da vice direttore di ‘Rai Parlamento’ a direttore della ‘Tgr’

Apprezzato uomo di line, con una lunga esperienza dietro le quinte del Tg1 e poi di Rai Parlamento, vice direttore mai scalfito dal passaggio dei direttori, sempre alla macchina e mai in video, è Alberto Maccari il nuovo direttore della Tgr al posto di Angela Buttiglione. “Busserò, entrerò, vedrò il da farsi”, dice. Il che non sarà  poco, visto che pur non essendo quasi mai sotto i riflettori la testata giornalistica regionale della Rai è il meccanismo più complesso del sistema, con centinaia di redattori sparsi su tutta la Penisola.
Nato a Parrano, in provincia di Terni, 62 anni, laureato in giurisprudenza alla Sapienza di Roma, sposato, due figlie, Maccari si definisce “cattolico moderato”, e a suo tempo è stato vicino alla Dc (“Sempre da fuori”, precisa). La sua carriera comincia nel 1972 con Luigi D’Amato al Fiorino, quotidiano economico finanziario romano, di cui rapidamente diventa caporedattore centrale, occupandosi anche del magazine d’attualità  Vita (oggi scomparso come Il Fiorino) e successivamente anche del Giornale d’Italia, storico quotidiano che D’Amato aveva acquistato e rilanciato come ‘giornale dei pensionati’ al prezzo ridotto (che allora fece molto discutere) di cento lire, quando gli altri giornali ne costavano quattrocento.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 399, Ottobre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Violazione dei sistemi del social e diffusione di dati degli utenti, il Garante avvia istruttoria su LinkedIn. Il social: Dati presi da altri siti

Violazione dei sistemi del social e diffusione di dati degli utenti, il Garante avvia istruttoria su LinkedIn. Il social: Dati presi da altri siti

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Tokyo 2020, il Cio butta acqua sul fuoco: I giochi olimpici non sono a rischio, si lavora a un’eccellente riuscita della manifestazione

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online

Mobile World Congress di Barcellona 2021: dopo Ericsson, Sony e Nokia rinuncia anche Google. Per le compagnie incontri online