da conduttore di ‘Tg7 Sport’ a direttore di ‘Più Salute’

Anche se di salute finora si è occupata solo di striscio, è su Ilaria Cuzzolin che l’editore Marco Sutter ha scommesso l’estate scorsa affidandole l’incarico di realizzare entro fine mese Più Salute, e soprattutto di creare una rete di grandi medici, professori universitari, primari e ricercatori in grado di aprire un filo diretto con i lettori. Milanese, 31 anni, figlia di un avvocato, che però in gioventù ha fatto anche l’addetto stampa dell’Istituto dei tumori (il che non guasta per i contatti che ora lei sta tessendo), si è laureata in scienze della comunicazione alla European School of Economics di Londra e ha completato la formazione con un master a Milano. Intanto, decisa a fare la giornalista come certi amici di famiglia (segnatamente Silvia Kramar e Renzo Cianfanelli) e toccata dal fuoco sacro da un incontro a 9 anni con Indro Montanelli, che le aveva vaticinato un futuro da giornalista, è andata per stage: a 18 anni nel quotidiano Og di Alfio Caruso, presto scomparso dalle edicole, quindi a Telecity (circuito 7Gold) e ad Antenna 3. Si guadagna il praticantato a Bloomberg Finanza & Mercati scrivendo di economia, collabora con le pagine dello spettacolo di Libero e con il mensile Come Stai?

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 399, Ottobre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro