da vice direttore a condirettore della ‘Tgr’ con delega per il Nord

Era già  vice direttore della Tgr, la testata giornalistica regionale della Rai, e da Milano si occupava in particolare di Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta. Ora, con una ampia delega per tutte le regioni del Nord, è lui il giornalista voluto dalla Lega – attraverso la consigliera Rai Giovanna Bianchi Clerici – alla condirezione della Tgr, a fianco del nuovo direttore Alberto Maccari.
Casarin è nato a Somma Lombardo (Varese) il 30 settembre di 51 anni fa. Proprio a Somma Lombardo comincia nel ’77 a scrivere per La Prealpina (“Andavo a suonare tutti i giorni alla stazione dei carabinieri, copiavo gli appuntamenti dai manifesti sui muri”) pagato trenta lire a riga, e nell’83 si guadagna l’assunzione. Sta altri quattro anni alla Prealpina e nell’87 entra in Rai. Si trasferisce a Milano e lavora prima come cronista politico, seguendo Palazzo Marino, e poi allo sport. Fra l’89 e il ’92 è al pool sportivo: per Biscardi, la sua striscia quotidiana e ‘Il processo del lunedì’ gira l’Italia e segue da vicino Inter e Milan (“Tifoso interista, ho perso l’entusiasmo per la mia squadra dopo l’era Trapattoni. Mi è tornato solo ora che c’è Mourinho, mi pare uno che somma in sé pregi e difetti di Herrera, Berlusconi e Craxi”, dice).
Rientra quindi nella redazione di Milano come caposervizio per la politica (segue, fra l’altro, la ‘discesa in campo’ di Berlusconi) ed è quindi promosso caporedattore di cronaca. Nel 2002 Antonio Di Bella lo vuole a Roma come vice direttore del Tg3, incarico che ricopre circa un anno e mezzo.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 399, Ottobre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Ricardo Franco Levi rieletto all’unanimità alla presidenza Aie. Eletti anche 4 vicepresidenti: Messina, Tartaglino, Guida, Tarò

Ricardo Franco Levi rieletto all’unanimità alla presidenza Aie. Eletti anche 4 vicepresidenti: Messina, Tartaglino, Guida, Tarò

Sotto la lente Ue anche l’indipendenza dei media italiani. Preoccupano attacchi a giornalisti e riduzioni nelle redazioni

Sotto la lente Ue anche l’indipendenza dei media italiani. Preoccupano attacchi a giornalisti e riduzioni nelle redazioni

Tokyo, la pallavolista Paola Egonu porterà la bandiera olimpica alla cerimonia di apertura dei Giochi: Sfilerò per tutti gli atleti del mondo

Tokyo, la pallavolista Paola Egonu porterà la bandiera olimpica alla cerimonia di apertura dei Giochi: Sfilerò per tutti gli atleti del mondo