INFORMAZIONE: SASSOLI (PD), PPE IMPEDISCE PLURALISMO MEDIA IN EUROPA

INFORMAZIONE: SASSOLI (PD), PPE IMPEDISCE PLURALISMO MEDIA IN EUROPA
(ASCA) – Roma, 21 ott – ”Il Ppe ha strumentalmente considerato” la risoluzione sulla liberta’ d’informazione ”come una lesa maesta’ nei confronti del potere di Silvio Berlusconi e quindi non e’ stato possibile avviare un lavoro sui media che avesse un ampio respiro europeo”. Lo ha diachiarato in una nota David Sassoli, capo delegazione del Pd al Parlamento Europeo in merito alla bocciatura della risoluzione per la liberta’ di stampa. ”Avevamo richiesto alla Commissione una direttiva europea sul pluralismo dei media e sugli standard per il servizio pubblico televisivo che valesse per tutti gli Stati membri. E soprattutto perche’ il diritto di informare non venisse leso”, ha ricordato Sassoli. ”Ci siamo battuti perche’ potesse essere risolto qualsiasi conflitto di interesse in Europa e contro ogni pressione da parte del Governo nei confronti dei giornali e dei mezzi d’informazione italiani. Su questo avevamo trovato un’intesa comune tra i gruppi di centro sinistra al Parlamento europeo”, ha aggiunto. ”Grazie all’impegno del Pd, il Ppe ha almeno ritirato gli emendamenti che volevano ignobilmente coinvolgere il Presidente della Repubblica in uno scontro politico”, ha spiegato.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo