“PROGETTO WEB IN CATTEDRA”: QUESTURA FIRENZE PARTNER MICROSOFT

“PROGETTO WEB IN CATTEDRA”: QUESTURA FIRENZE PARTNER MICROSOFT
(AGI) – Firenze, 23 ott. – Con una nuova forma di partenariato, la Questura di Firenze contribuisce al progetto “Web in cattedra”, in collaborazione con Microsoft, il Rotary Club fiorentino E L’Onap (Osservatorio Analisi Abusi Psicologici). Cento docenti degli istituti superiori della provincia di Firenze parteciperanno ad uno stage formativo nell’ambito del quale personale della Polizia Postale offrira’ agli insegnanti una serie di nozioni per la prevenzione dei rischi connessi alla rete internet. I docenti che prenderanno parte al ciclo formativo assumeranno la veste di tutor per i colleghi dei rispettivi istituti scolastici, per poi attuare le politiche di prevenzione dedicate agli studenti. In particolare, i docenti saranno istruiti sui rischi connessi ai fenomeni dell’adescamento on line cui i minori e i giovani sono esposti nell’ambito della navigazione in internet. Analoga attenzione viene dedicata al fenomeno della pedopornografia on line, per la cui attivita’ di prevenzione e contrasto la Polizia Postale ha competenza esclusiva. Ulteriori elementi informativi saranno poi forniti per garantire una navigazione sicura in rete, con un vademecum utile anche a prevenire i possibili rischi derivanti dai virus e dal fenomeno dello spamming. “Con questa iniziativa la Questura di Firenze esprime una nuova ed ulteriore forma di partenariato, attraverso la quale, insieme con enti quali Microsoft, Rotary, l’Onap ed il Comune di Firenze, si vuole contribuire in modo concreto a rendere piu’ sicura la navigazione in rete, con particolare attenzione rivolta ai formatori dei giovani delle scuole.”, ha commentato il Questore di Firenze Francesco Tagliente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)