Google precisa: nostro comunicato rivolto a tutti non a Murdoch

Google precisa: nostro comunicato rivolto a tutti non a Murdoch
Tutti possono scegliere se togliere contenuti da ricerche

Roma, 11 nov. (Apcom) – L’ufficio stampa del motore di ricerca Google precisa che il comunicato oggi diffuso non era rivolto a Rupert Murdoch, che non è citato nel testo, ma a tutti gli editori e produttori di notizie. “In nessun punto del comunicato – osserva l’ufficio stampa – diciamo al signor Murdoch o a qualunque altro editore che dovrebbero togliere i loro contenuti da Google: ci limitiamo a ricordare che ognuno può decidere se e come il contenuti è incluso nelle ricerche del motore, e che ci sono modi molto semplici di rimuovere i contenuti se così decidono”.

Il magnate dell’informazione Rupert Murdoch aveva accusato il motore di ricerca di “rubare” le notizie trasmesse via internet dalle sue testate, minacciando di bloccare i contenuti online di “Wall Street Journal”, “The Times” e “Sun”.

La società  di Mountain View oggi sottolineava in un comunicato che grazie a “semplici standard tecnici” le notizie possono essere rimosse in qualsiasi momento”, e chi le produce ha “il completo controllo su se e quanto dei loro contenuti far apparire in caso di ricerca”. E gli editori in genere sono ben contenti del servizio, perché costituisce una “formidabile fonte di promozione”, in quanto consente di avere “circa 100 mila click al minuto”. “Gli editori mettono i loro contenuti sul web perchè vogliono farlo trovare; pochissimi scelgono di non includerlo nella ricerca di Goggle sulle news e sul web. Ma se ci dicono di non includerlo, non lo includiamo” aggiungeva la società .

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)