Tlc/ Asati: Solo Telecom può realizzare nuova rete fibra ottica

Tlc/ Asati: Solo Telecom può realizzare nuova rete fibra ottica

Associazione interviene dopo indiscrezioni di un nuovo piano Caio

Milano, 12 nov. (Apcom) – E’ indispensabile dotare il Paese di una nuova rete a larga banda in fibra ottica, i cui tempi non sono più prorogabili, ma è Telecom Italia l’unico soggetto in grado di realizzare la cosiddetta Ngn2. Lo sostiene in una nota Asati, l’associazione che raccoglie i piccoli azionisti del gruppo telefonico, in relazione alle indiscrezioni di stampa che parlano di un nuovo piano Caio sulla banda larga richiesto dai soli operatori tlc alternativi.

“Se Telecom – sostiene Asati – continua a osteggiare questo piano, a causa soprattutto dell’ostilità  di Telefonica nell’azionariato, è ovvio e naturale che altri soggetti privati con il contributo del governo attivino al più presto questo progetto. Tuttavia Asati nell’interesse congiunto di Telecom e del Paese indica con forza che il soggetto più indicato e migliore per realizzare questo progetto è Telecom”.
Principalmente per tre motivi: la realizzazione in una determinata area di una rete parziale dedicata soltanto ad alcuni clienti, spiega Asati, “creerebbe un digital divide e la necessità  di sviluppare in seguito altre reti per coprire la rimanente parte dei clienti”. Telecom, inoltre, “è l’unica che può fare sinergie proficue tra gli impianti della rete in rame esistente e quelli della nuova Ngan”, è “l’unica azienda che, per dimensioni e competenze tecnologiche, può rappresentare l’architetto e il progettista della rete del paese” ed è “l’unica in grado di rimettere a reddito la rete di Infratel e le reti locali dei comuni e delle regioni, che sono state sviluppate senza un progetto unitario”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)