MICROSOFT: BING SI ALLEA CON WOLFRAM ALPHA PER RICERCHE WEB

MICROSOFT: BING SI ALLEA CON WOLFRAM ALPHA PER RICERCHE WEB
ROMA
(ANSA) – ROMA, 12 NOV – La battaglia di Microsoft con Google sul terreno delle ricerche in Internet ha un nuovo capitolo, grazie all’alleanza stretta tra Bing, motore di Redmond, e quello che fino a ieri era un altro dei suoi rivali: Wolfram Alpha. Lanciato nel maggio scorso, Wolfram Alpha è un motore di ricerca semantico, in grado cioé di interpretare le richieste degli internauti. Se su un motore tradizionale si digita una domanda, ad esempio “quanti anni ha Barack Obama”, si ottengono dei collegamenti a pagine web che contengono tutte o alcune delle parole inserite. Wolfram Alpha, invece, fornisce una risposta diretta. Inoltre calcola percentuali, risolve equazioni e fornisce notizie su una serie di settori, dalla Borsa alle città , agli elementi chimici. In base all’intesa, le potenzialità  di Wolfram Alpha ora entrano in Bing. Gli utenti di quest’ultimo, oltre alle normali ricerche, potranno quindi chiedere le informazioni nutrizionali sui cibi, o se ci sono più vitamine in un kiwi o in un arancia. Notizie utili, spiega Microsoft, “ai circa 90 milioni di statunitensi che ogni anno si mettono a dieta”. Inoltre, si potrà  chiedere l’altezza del K2, il Pil della Cina, la distanza in chilometri fra Milano e Venezia, o lo svolgimento di calcoli matematici complessi. “Ciò a cui assistiamo con Microsoft e Bing è il primo passo per prendere la ‘conoscenza computazionale’ e portarla in un’applicazione, in questo caso un motore di ricerca”, ha commentato Stephen Wolfram, il matematico creatore di Wolfram Alpha, in un post sul blog di Microsoft.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)