direttore ed editore associato di ‘Italia Oggi’

Il 21 ottobre Pierluigi Magnaschi è stato nominato dall’editore Paolo Panerai (che resta anche direttore responsabile di questa come di tutte le altre sue testate) direttore ed editore associato di Italia Oggi. E la curiosità  statistica è che per Magnaschi è addirittura la terza volta: ha infatti già  diretto lo stesso quotidiano fra l’88 e l’89 e dal ’91 al ’99.
Magnaschi, 68 anni, è originario di Carpaneto, in Val Chero, in provincia di Piacenza, e proprio da lì comincia a quattordici anni a mandare corrispondenze per la Libertà , pagato 5 lire lorde alla riga e 50 a notizia. Studia, passa un’estate in Israele in un kibbutz, esperienza che gli attiva un interesse profondo e costante per quel Paese, impara inglese e francese, si laurea con lode in agraria (specializzazione in economia), si sposa, ha tre figli (ora ha anche due nipoti), fa vari lavori in campo statistico ed economico. Continua però anche a scrivere per i quotidiani, compresi La Stampa, La Notte e Avvenire, per il quale diventa fondista di economia.
Nel 1972, quando ha 32 anni, proprio ad Avvenire si libera un posto da praticante, e il direttore Angelo Narducci gli chiede se conosce un qualche bravo giovane. “Vengo io”, dice Magnaschi, anche se lo stipendio è meno di un quarto di quanto ai tempi già  guadagnasse.

(La versione integrale dell’articolo è sul mensile Prima Comunicazione n. 400, Novembre 2009)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”