INTERNET: CARDI, DIFFICILE CONTROLLO SU DATI PERSONALI

INTERNET: CARDI, DIFFICILE CONTROLLO SU DATI PERSONALI
(AGI) – Roma, 18 nov. – “E’ estremamente difficile esercitare un controllo sulla qualita’ delle informazioni personali che vengono diffuse in rete, cosi’ come ottenere cancellazioni e aggiornamenti che devono tener conto dei diversi luoghi virtuali in cui le informazioni appaiono”. Lo ha dichiarato al convegno sull’informazione della Cisl, Enzo Cardi, ordinario di Diritto Pubblico dell’Economia all’Universita’ Roma Tre. “L’effettivita’ della tutela dei dati personali su internet – ha proseguito – e’ messa in crisi proprio dalla caratteristica di globalizzazione che e’ propria della rete, in ragione della sua dimensione sovranazionale. Cosi’ Google Italy non puo’ operare sui server per la rettifica dei dati, autonomamente dalla casa madre con sede negli Stati Uniti, e le norme antispam sono eluse se lo spammer e’ basato in Usa o in Cina. Problemi derivanti da una tecnologia globale, in qualche modo senza spazio, richiedono risposte globali”. L’ordine giuridico, ha proseguito Cardi, “tra i valori in gioco puo’ derivare solo dal global economic law, da accordi promossi in questa sfera come avviene fin dal 1947 per la libera circolazione delle merci estesi, come e’ noto, dal 1994 ai servizi dal General Agreement on Trade in Services. Tali sono appunto in termini di qualificazione giuridica i prodotti editoriali su rete: servizi. La giurisdizione ad essi applicabile dovrebbe essere quella degli accordi internazionali la cui sede istituzionale e’ il Wto, l’organizzazione mondiale del commercio in beni e in servizi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo