Tv digitale? piace agli uomini anziani e istruiti

Apc-Censis: tv digitale? piace agli uomini anziani e istruiti

Oltre 60% italiani abbonato a digitale satellitare o terrestre

Roma, 19 nov. (Apcom) – Nel panorama mediatico italiano il mezzo di comunicazione con il quale si ha maggiore familiarità  è la televisione, anche se ormai bisogna distinguere tra quella tradizionale, la televisione satellitare o il digitale. Tra gli italiani che guardano la televisione digitale satellitare o terrestre la percentuale di coloro che hanno sottoscritto un abbonamento è complessivamente superiore al 60%, con una contrazione significativa tra le persone tra 65 e 80 anni, per le quali il dato scende al 43,3%. Il dato emerge dal rapporto del Censis ‘I media tra crisi e metamorfosi’.
I livelli più elevati si raggiungono in corrispondenza dei maschi (64,7%), della fascia d’età  compresa tra i 30 e i 64 anni (66,9%) e tra le persone più istruite (64,9%). È rilevante la differenza che si riscontra tra femmine e maschi: il 55,6% delle donne che fruiscono della televisione satellitare o digitale terrestre ha sottoscritto un abbonamento a pagamento, dieci punti percentuali in meno degli uomini. Quanto al livello di istruzione: tra i più istruiti, ogni cento persone che guardano la televisione satellitare o digitale terrestre quasi 65 hanno un abbonamento a pagamento; al contrario, se si considerano le persone con un grado di istruzione inferiore il numero è di poco superiore a 56. Altrettanto ragguardevole, in negativo, è il dato relativo alle persone anziane, le quali sembrano accontentarsi di guardare ciò che offre la Tv digitale senza alcun pacchetto aggiuntivo a pagamento (il 56,7% non ha nessun abbonamento).

Tra le ragioni principali che hanno indotto il pubblico della televisione digitale satellitare o terrestre a sottoscrivere un abbonamento per accedere ai pacchetti a pagamento, vi è da un lato la possibilità  di guardare le partite di calcio e, in generale, gli eventi sportivi in esclusiva (31,2%), dall’altro i film in prima visione (24,8%). Tra gli uomini la percentuale riferita alle partite di calcio sale al 39%. Le donne, invece, preferiscono abbonarsi a pacchetti per guardare i film in anteprima, anche se la seconda risposta per frequenza è legata allo sport e non è tanto distaccata dalla principale (il 24,7% rispetto al 21,1%).

I più entusiasti della tv digitale sono ovviamente i giovani: il 51,8% ha indicato proprio nell’aumentata possibilità  di scelta offerta dai nuovi mezzi uno dei fattori più positivi. Anche gli adulti sottolineano l’aumento delle opzioni disponibili (46,3%), anche se tra di essi vi è un’apprezzabile quota di utenti che non lesinano critiche. In generale, tra le critiche più rilevanti vi è il rimpianto per la semplicità  di utilizzo della Tv tradizionale (10,2%) o la lamentela per le difficoltà  legate alla gestione dei congegni elettronici da installare (7,9%). Inoltre, il 21,9% ritiene che le nuove modalità  per seguire i programmi televisivi siano soltanto un modo per far pagare all’utente ciò che prima si poteva guardare gratuitamente.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi