INTERNET: FACEBOOK SCRIVE A UTENTI PER NUOVE REGOLE PRIVACY

INTERNET: FACEBOOK SCRIVE A UTENTI PER NUOVE REGOLE PRIVACY
ROMA
(ANSA) – ROMA, 2 DIC – Facebook mette punto un nuovo cambiamento delle regole sulla privacy, dibattito per la verità  già  avviato nello scorso luglio: a informare gli utenti è proprio Mark Zukerberg, l’inventore, con una lettera aperta pubblicata sul popolare social network. “L’attuale modello di privacy di Facebook, che gravita intorno alle ‘reti’- comunità  scolastiche, aziendali o geografiche – funzionava bene quando Facebook era utilizzato principalmente da studenti, perché era ragionevole pensare che uno studente volesse condividere contenuti con i propri compagni -scrive Zukerberg -. Con il tempo, gli utenti ci hanno chiesto di aggiungere reti aziendali e geografiche, tanto che oggi esistono reti che coprono intere nazioni, come l’India e la Cina. Con reti così vaste, siamo giunti alla conclusione che il modello attuale non sia più il modo migliore per consentire agli utenti di controllare la propria privacy. Considerato che quasi il 50% di tutti gli utenti di Facebook è membro di reti geografiche, questo è per noi un argomento di estrema importanza. Un sistema migliore consentirebbe quindi a oltre 100 milioni di persone di avere un maggiore controllo sulle proprie informazioni”. Per il cambiamento è previsto un coinvolgimento degli utenti. “Nelle prossime settimane vi chiederemo di esaminare e aggiornare le vostre impostazioni sulla privacy – continua Zuckerberg -. Visualizzerete un messaggio che spiegherà  i cambiamenti e vi porterà  alla pagina dove potrete aggiornare le impostazioni. Una volta terminato l’aggiornamento, verrete reindirizzati su una pagina di conferma perché possiate verificare di aver scelto le impostazioni desiderate”. (ANSA).
SAM/SB S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)