RAI: CDR TGR PIEMONTE E RSU, SERVE CONFRONTO SU INSEDIAMENTI

Condividi

RAI: CDR TGR PIEMONTE E RSU, SERVE CONFRONTO SU INSEDIAMENTI
TORINO
(ANSA) – TORINO, 2 DIC – Il Cdr del TGR Piemonte e le Rsu del Centro di Produzione, della Direzione generale e dell’Orchestra Sinfonica Nazionale hanno chiesto oggi alla Rai, in una lettera inviata al direttore generale Mauro Masi e alle rappresentanze sindacali nazionali, di “aprire immediatamente un confronto in cui vengano chiaramente delineate prospettive e progetti per tutti gli insediamenti presenti sul territorio nazionale”. L’iniziativa, è precisato nella lettera, è legata “alle dichiarazioni fatte dai massimi vertici Aziendali e dal Vice Ministro delle Comunicazioni Paolo Romani sul progetto di sviluppo del centro di produzione della Rai di Milano per attività  connesse all’Expo 2015”. “E’ evidente – è spiegato nel documento – che l’operazione è alimentata da puro spirito propagandistico slegato dalla attuale situazione aziendale. E’ altrettanto chiaro che lo sviluppo dell’Azienda è legato al rilancio di tutti i suoi poli produttivi. Per Torino ricordiamo essere le Direzioni Generali, il CPTV, il Centro Ricerche e l’Orchestra Sinfonica. E’ innegabile – è aggiunto – che in assenza di un piano industriale strutturato e condiviso le iniziative di questo genere si possono rilevare come un fuoco di paglia”. Secondo il Cdr e le rappresentanze sindacali, “la situazione economica aziendale, come ci viene presentata dal Direttore Generale, richiede un piano di rientro delle attività  produttive esterne ed una gestione degli appalti di servizi orientata alla qualità  e non al massimo risparmio a scapito delle prestazioni per evitare di generare situazioni imbarazzanti per l’Azienda come il caso Agile-ex Eutelia”.(ANSA).
DAM/ S0A S56 QBXB