CEI: NUOVO SITO CHIESACATTOLICA.IT, MA NON SACRAMENTI ON LINE

CEI: NUOVO SITO CHIESACATTOLICA.IT, MA NON SACRAMENTI ON LINE
(AGI) – CdV, 3 dic. – I vescovi italiani potenziano la loro presenza su internet, con un radiale restyling del sito “www.chiesacattolica.it” che dal prossimo 8 dicembre diventa piu’ facilmente consultabile grazie a una riorganizzazione della sezioni e aree informative. Ad esempio il presidente della Cei, card. Angelo Bagnasco, e il segretario generale, mons. Mariano Crociata, avranno ora loro pagine dalle quali leggere e scaricare interventi e messaggi. Un motore di ricerca ad hoc consentira’ poi di navigare nei siti delle 226 diocesi e delle 26 mila parrocchie italiane, “mantenendo chiara la distinzione tra i documenti della Cei e quelli delle chiese locali”, e’ stato detto nella conferenza stampa di presentazione. Analoga opportunita’ riguarda i siti delle altre conferenze episcopali del mondo raggiungibili dal sito con un semplice click. Tantissime le novita’, ad esempio nel campo dell’arte e della cultura, tra le quali la piu’ intrigante riguarda le opere pittoriche ospitate dai musei diocesani o nelle chiese e cattedrali italiane, molte delle quiali sono ora visitabili virtualmente dal sito. Non ci saranno invece, ovviamente, “i sacramenti on line”, “perche’ la salvezza operata da Dio tramite i sacramenti non e’ virtuale ma reale”, ha spiegato lo stesso mons. Crociata, che con la sua presenza ha testimoniato oggi la fiducia della Chiesa Italiana verso i new media e l’utilizzo delle nuove tecnologie web. “Il caso dei sacramenti – ha sottolineato – rimanda in profondita’ alla questione della incarnazione e quindi al “segno concreto che hanno tutti i sacramenti: il pane, il vino, l’acqua del battesimo, il gesto”. La presenza dei sacerdoti su Internet con siti personali puo’ arricchire l’annuncio che la Chiesa fa del Vangelo ma occorre avere una “grandissima cautela” e soprattutto starci con “responsabilita’ e coscienza”, ha detto ancora il segretario generale della Cei, al quale tuttavia sembra che “ci sia abbastanza responsabilita’ e in questi termini e’ anche di grande utilita’ avere siti personali e di comunicazione che permettono di arricchire l’annuncio e quelle forme di comunicazione che in altri ambiti tendono a venire meno”. “Occorre naturalmente – ha aggiunto mons. Crociata – una grandissima cautela perche’ ormai Internet e’ diventato un universo sterminato. Ma questo fa parte della crescita di responsabilita’, di coscienza e di consapevolezza di chi e’ presente attivamente producendo materiale o istituendo un proprio sito e da parte anche di tutti i naviganti. C’e’ in generale – ha concluso Crociata – un’esigenza di educazione, formazione e crescita” che sia mnifesta in chi utilizza questi nuovi strumenti”. Il sito nuovo sito della Cei – che si presenta con una piu’ accattivante veste grafica – e’ stato realizzato dall’Ufficio Nazionale della Comunicazioni Sociali e dal Servizio Informatico della Cei in collaborazione con “Seed edizion’ informatiche”. (AGI) Siz

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)