DIGITALE TERRESTRE:DE MAGISTRIS:,FARWEST CHE VIOLA LA LEGGE

DIGITALE TERRESTRE:DE MAGISTRIS:,FARWEST CHE VIOLA LA LEGGE
(AGI) – Roma, 4 dic. – “Sotto l’insegna dell’innovazione tecnologica e forte di un’altra legge costruita su misura, il presidente del Consiglio mette a segno due strepitosi risultati: un consistente guadagno economico per le sue aziende ed una ulteriore espansione territoriale dell’informazione Mediaset”. Lo scrive sul suo blog Luigi de Magistris, europarlamentare dell’IdV, in merito al passaggio al digitale terrestre. “In Campania – continua poi – le emittenti locali hanno saputo, solo tre giorni prima del previsto swicht-off, di quali frequenze avrebbero potuto disporre. Un tempo brevissimo per attrezzarsi adeguatamente. Mentre alle tv nazionali le frequenze erano note da tempo”. Secondo l’ex pm si tratta di “un vero e proprio far-west tecnologico dell’etere” in cui “parte dell’emittenza locale e’ costretta, da sciagurate decisioni governative, ad una guerra di sopravvivenza” mentre “gruppi editoriali, ben definiti, se ne avvantaggeranno”. De Magistris riflette infine sul fatto che la legge viene applicata territorialmente in tempi diversi: “una evidente discriminazione che altera il mercato” e che appare “in palese violazione dei dettami legislativi”. (AGI) Bru

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi