FINANZIARIA: FNSI, NUOVO EMENDAMENTO METTE A RISCHIO DECINE DI GIORNALI

FINANZIARIA: FNSI, NUOVO EMENDAMENTO METTE A RISCHIO DECINE DI GIORNALI
(ASCA) – Roma, 5 dic – ”La Fnsi e’ fortemente preoccupata per l’emendamento alla Finanziaria presentato ieri alla commissione Bilancio della Camera che nei fatti elimina il diritto soggettivo relativo al finanziamento pubblico dei giornali di partito, cooperativi e di idee. Se dovesse passare questa norma le aziende editoriali interessate non potrebbero iscrivere a bilancio questi finanziamenti e quindi impedirebbe la negoziazione di fondamentali anticipi con le banche. Insomma verrebbe messa a repentaglio la sopravvivenza di decine e decine di giornali e decine e decine di posti di lavoro giornalistici e non”. L’allarme e’ lanciato dalla Federazione nazionale della stampa italiana, con un comunicato. ”Oggi – aggiunge la Fnsi – si sarebbe dovuto votare la Finanziaria ma, dopo un intervento della Presidenza della Camera, il voto in Commissione dovrebbe slittare a lunedi’ prossimo con la discussione in Aula a partire da mercoledi’. Il Sindacato dei giornalisti ha convocato d’urgenza una riunione dei cdr dei giornali politici, cooperativi e di idee per lunedi’ alle ore 12 nella sede Fnsi (Corso Vittorio Emanuele II,349 Roma) per discutere le iniziative da intraprendere”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari