TV: GENTILONI “NO AL ‘DECRETO MEDIASET'”

TV: GENTILONI “NO AL ‘DECRETO MEDIASET'”

ROMA (ITALPRESS) – “Il decreto legislativo preannunciato per il prossimo consiglio dei ministri sarebbe un vero e proprio ribaltone del nostro sistema televisivo ad uso e consumo delle reti Mediaset. Il blitz, infatti, produrrebbe un aumento di pubblicita’ per Mediaset incrementando gli affollamenti in alcune fasce orarie, autorizzando una maggiore frequenza di spot e liberando le autopromozioni dal calcolo degli affollamenti, risultato: una overdose di spot per le tv di Berlusconi che gia’ raccolgono il 63,8% della pubblicita’ tv”.
Lo afferma Paolo Gentiloni, responsabile Comunicazioni del Pd.
“La pubblicita’ – aggiunge – verrebbe invece tagliata di un terzo per gli editori che usano invece la piattaforma Sky con una ovvia penalizzazione del maggior concorrente commerciale di Mediaset.
A completare il quadro il decreto prevede due misure molto gravi per di piu’ estranee alla delega assegnata al governo: il passaggio da Agcom al ministero dell’autorizzazione per i nuovi canali satellitari e la cancellazione delle misure varate due anni fa dal governo Prodi sulle quote di produzione audiovisiva europea. Ce ne e’ abbastanza per chiedere il ritiro di questo vero e proprio ‘decreto Mediaset’ che il governo vuole approvare limitando l’intervento del Parlamento ai soli pareri delle commissioni competenti”, conclude Gentiloni.
(ITALPRESS).
ads/com 15-Dic-09 13:25

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi