PDL: FAREFUTURO, ‘GIORNALE’ ESTREMISTA DANNEGGIA IL PAR

PDL: FAREFUTURO, ‘GIORNALE’ ESTREMISTA DANNEGGIA IL PARTITO
(AGI) – Roma, 16 dic. – “E se il nemico interno, quello che rema contro e che impedisce al Pdl di crescere, di stabilizzarsi, di amalgamarsi e di governare con serenita’, fosse proprio lui, il direttore del Giornale, Vittorio Feltri?”. Se lo chiede Ffwebmagazine, periodico online di Farefuturo, la fondazione presieduta da Gianfranco Fini, in un corsivo a firma del direttore Filippo Rossi. “Non e’ possibile – scrive Rossi – che un grande partito moderato, che punta a rappresentare la maggioranza dei cittadini italiani, che si riconosce nel Partito popolare europeo, che nel suo manifesto dei valori pone al centro la persona umana e la sua dignita’, un partito che deve affrontare la sfida del governo in un momento non facile, ecco, non e’ possibile che un partito cosi’ sia rappresentato da un giornale che non e’ di destra. Ma che, nei modi e nei fatti, e’ un giornale minoritario, barricadero, militante e sostanzialmente di estrema destra. Un giornale che fa della propaganda la sua cifra stilistica. Un giornale che, tra l’altro, si e’ auto-investito di questa rappresentativita’. Un giornale il cui direttore, un po’ come San Pietro, si ritiene il custode delle chiavi del Regno (tu entri e tu esci dal Pdl…), e il depositario della Dottrina”. “Un giornale che – aggiunge – con questa impostazione, non puo’ non invitare allo scontro, con toni da Crociata o da Inquisizione. Un giornale che difende la Lega un giorno si’ e l’altro pure, che intervista un’esagitata come Daniela Santanche’ almeno una volta al mese, quasi che con il suo movimento dello zero virgola possa essere considerata rappresentativa della linea di un grande partito. Un giornale che si diletta nella caccia all’untore, nella delazione del presunto traditore, nella scomunica e – quando serve – nel rogo mediatico degli eretici, o degli “scomodi”. Un giornale che troppo spesso, dal caso Boffo al caso Mussolini, si nutre di insinuazioni e di personalizzazioni”. E ancora: “Pagine piene di livore, in questo momento, sono inutili e dannose, per il paese. E anche per il partito (sempre che del partito, a uno come Feltri, interessi qualcosa…)”. “Il Tempo di oggi – conclude Rossi – racconta di come il premier non abbia voluto incontrare Feltri in ospedale, “ufficiosamente” per non fare uno sgarbo a Fini. Forse qualcosa sta cambiando. Forse, per tanti nel centrodestra, e’ arrivato il momento di disintossicarsi, scendere dalle barricate ed entrare nel mondo normale. Un mondo in cui un grande partito come il Pdl non puo’ ogni giorno sparasi in vena fiale d’odio

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi