Un mix micidiale

“Malattie come l’influenza sono sempre state globali. Sull’H1n1 c’è stata una reazione emotiva un po’ irrazionale alimentata dai media”: così il professor Camillo Ricordi, direttore del Diabetes Research Institute di Miami, presidente dell’Ismett di Palermo e collaboratore degli ospedali San Raffaele e Niguarda di Milano, giudica l’allarmismo sulla Suina.
“Il problema è questo tipo di informazione globalizzata, e più in generale l’effetto di condizionamento che un’informazione pilotata da interessi economici può avere sulle politiche sanitarie e sulla dimensione dei fenomeni. Si deve cambiare approccio, altrimenti andremo al collasso del sistema sanitario mondiale. O si cambia radicalmente, cominciando a lavorare sullo stile di vita, sull’alimentazione e sulla ricerca per la cura definitiva delle malattie, o si va verso l’implosione del sistema”, sostiene il professor Ricordi.
“Negli Usa abbiamo già  mille morti al giorno provocati dal diabete. E questo ha un legame diretto con la dieta degli americani. Ma negli Usa gli investimenti per la cura del diabete, 200 miliardi di dollari l’anno, sono tutti dedicati a sviluppare la tecnologia degli aghi, le infusioni di insulina, tutte cose utili, ma che non frenano l’epidemia. Per la cura della malattia gli investimenti sono pari a zero”, spiega il professor Ricordi, numero uno al mondo nella ricerca e cura del diabete. “E questo avviene perché se devi retribuire gli azionisti con un margine del 15% all’anno non puoi permetterti di avviare una ricerca che, in prospettiva, restringe il tuo business”.
E per uscire da questa situazione c’è un’unica ricetta, conclude il professor Ricordi: “Io penso che medici, aziende, sistema dei media e scuole debbano mettersi insieme per spiegare che una alimentazione corretta è l’unica cura preventiva efficace per evitare malattie come il diabete, altrimenti non ne verremo davvero fuori”.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 401 – dicembre 2009

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale