Adesso tutte le grane a Orfini

Il segretario del Pd Bersani ha deciso di affidare il timone dell’Informazione e cultura a Matteo Orfini, membro della segreteria. In pista anche due esperti, come Carlo Rognoni e Paolo Gentiloni, a capo dei forum per la televisione e l’Itc.
Deve aver fatto una bella faticaccia Pier Luigi Bersani a comporre il mosaico della squadra che guiderà  il Partito democratico per accontentare correnti e minoranze e non mettere a repentaglio la fragile pax interna. Il neo segretario ci ha impiegato quasi un mese ed è stato costretto a moltiplicare incarichi e poltrone, ma con le assegnazioni dei forum ai maggiorenti del partito e le nomine dei dodici componenti della segreteria – un team di trentenni per dare il segnale del rinnovamento del gruppo dirigente – ha completato il riassetto organizzativo. Da questo travaglio esce spacchettato il dipartimento della Comunicazione che nell’era dei due precedenti segretari, Walter Veltroni e Dario Franceschini, aveva avuto un’unica regia che faceva perno su Paolo Gentiloni, l’ex braccio destro di Francesco Rutelli che era stato ministro alle Comunicazioni del secondo governo Prodi. Gentiloni gestiva una grande area da cui dipendevano sia l’informazione diretta del Pd sia la proposta e l’iniziativa politica.
Generalmente i segretari mettevano questo settore, considerato strategico, sotto il controllo di un uomo di fiducia. Bersani invece, che ai media dice di guardare in un’ottica industriale, ha seguito una logica diversa.

L’articolo integrale è sul mensile ‘Prima Comunicazione’ n. 401 – dicembre 200
9

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale