INTERNET: YOUTUBE, GOOGLE PENSA A CONTENUTI PREMIUM IN PAY

INTERNET: YOUTUBE, GOOGLE PENSA A CONTENUTI PREMIUM IN PAY
ROMA
(ANSA) – ROMA, 16 DIC – I video a pagamento potrebbero sbarcare anche su YouTube. Google, proprietaria del sito di condivisione di video, sta infatti valutando l’ipotesi di introdurre alcune formule di abbonamento mensile per vedere contenuti “premium”, in una mossa che dovrebbe invogliare i produttori cinematografici e televisivi a pubblicare film e serie tv sul sito. Il vicepresidente di Google per le partnership sui contenuti, David Eun, ha spiegato in una intervista che i progetti dell’azienda per YouTube si scontrano con il modello di ricavi attuale, che prevede solo inserzioni pubblicitarie. “Stiamo facendo alcune scommesse interessanti sui filmati lunghi”, cioé film e telefilm in versione integrale, ma “con il modello pubblicitario non abbiamo accesso a tutti i contenuti”, ha detto. L’ostacolo sono i detentori dei diritti cinematografici e televisivi, non propensi a lasciar vedere gratuitamente i contenuti su YouTube neanche a fronte di una condivisione dei ricavi pubblicitari. La pubblicazione in chiaro sul sito, infatti, potrebbe agire come una scure sui ricavi che vengono dalla tv a pagamento o dalla vendita di dvd. Per Google la soluzione potrebbe allora essere negli abbonamenti mensili, alla stregua di quanto avviene per la tv a pagamento via internet. Altra possibilità  sarebbe quella di far pagare per il noleggio di film, erogati sempre via internet. YouTube in questo senso ha già  avuto colloqui con Lions Gate Entertainment, Sony Pictures e Warner Bros.(ANSA).
Y89-VC/ S04 S0B INT QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)