Mediaset: Google, valutiamo anche ricorso in appello

16 Dec 2009 17:16 CEST Mediaset: Google, valutiamo anche ricorso in appello

MILANO (MF-DJ)–“Stiamo valutando i prossimi passi, inclusa la possibilita’ di ricorrere in appello. In base alla legge Europea e Italiana, i service provider quali YouTube non hanno la responsabilita’ di effettuare il controllo del contenuto caricato dagli utenti. In realta’ noi andiamo al di la’ di quanto previsto dalla legge e offriamo ai detentori dei diritti strumenti efficaci per gestire se e come i loro contenuti debbano essere resi disponibili”.

Lo rende noto Google attraverso un comunicato diffuso in seguito alla notizia che la nona sezione civile del Tribunale di Roma ha accolto integralmente il ricorso di Mediaset contro Youtube disponendo la rimozione immediata dai server del portale video di tutti i contenuti illecitamente caricati. Nello specifico, l’ordinanza si riferisce a Grande Fratello.

“Si tratta in particolare di un programma chiamato Content ID -aggiunge la nota- che oltre 1.000 broadcaster nostri partner, tra cui Rai e Fox Channels Italy, hanno scelto di utilizzare. Mediaset potrebbe semplicemente unirsi a questi altri partner e utilizzare questi strumenti. Oppure, in alternativa, basterebbe che ci segnalasse le Url dei video e noi provvederemmo alla loro rimozione”. red/vz

(END) Dow Jones Newswires

December 16, 2009 11:16 ET (16:16 GMT)

Copyright (c) 2009 MF-Dow Jones News Srl.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi