Giornalisti/ Rapporto: Il 2009 l’anno con il record di morti: 68

Giornalisti/ Rapporto: Il 2009 l’anno con il record di morti: 68
A novembre nelle Filippine uccisi 30 rappresentanti dei media

New York, 17 dic. (Ap) – Il massacro del novembre scorso di 30 rappresentanti dei media nelle Filippine rende il 2009 l’anno con più vittime della storia tra i giornalisti, secondo un rapporto pubblicato oggi.

Stando a quanto riferito dal Comitato per la protezione dei giornalisti, un gruppo indipendente di difesa della professione, almeno 68 giornalisti sono morti nel 2009, vale a dire il 60% in più rispetto all’anno passato, con 42 decessi.

“I tre quarti delle vittime sono stati uccisi deliberatamente a causa del loro lavoro e nell’85% dei casi nessuno è stato perseguito dalla giustizia”, ha sottolineato Robert Mahoney, direttore del comitato.

In Messico, i giornalisti della carta stampata uccisi stavano indagando sul crimine organizzato e sul traffico di droga, sottolinea il rapporto. Fino al massacro perpetrato nelle Filippine, che ha provocato 57 morti, il bilancio era più basso dello scorso anno, con 38 decessi. I dati del 2009 mostrano un’evoluzione inquietante in Somalia, con nove giornalisti assassinati o uccisi nei combattimenti. Subito dopo c’è il Pakistan, con quattro morti, poi la Russia, con tre vittime.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari

Pearson taglia 4 mila posti di lavoro. Annunciato il piano di ristrutturazione da mezzo miliardo di dollari