L’Espresso: bloccato da lite per eredita’(Mi.Fi.)

Condividi

21 Dec 2009 09:31 CEST L’Espresso: bloccato da lite per eredita’(Mi.Fi.)

MILANO (MF-DJ)–Una guerra legale fra Jacaranda Caracciolo Falck e i due Revelli sta paralizzando da un anno la distribuzione dell’eredita’ del principe Caracciolo, in particolar modo del pacchetto dell’11% dell’Espresso. Il fatto che la battaglia continui, a dispetto di ogni tentativo di transazione fra i tre figli del principe, fa si’ che le azioni della casa editrice di Repubblica restino congelate in mano all’esecutore testamentario, l’avvocato Maurizio Martinetti.

E’ quanto si legge in un articolo di Milano Finanza dove si precisa che in estate uno schema di transazione era stato trovato. Il pacchetto dell’11% sarebbe stato collocato in una newco controllata dai tre eredi secondo le quote decise nella transazione (quindi con la maggioranza assoluta a Jacaranda).

Ma l’accordo, che sembrava ormai raggiunto con tanto di strette di mano fra i tre contendenti, s’e’ interrotto all’improvviso in autunno, sembra in concomitanza con l’arrivo nel collegio difensivo di Carlo Revelli dell’avvocato Adriana Boscagli, che ha affiancato Natalino Irti. Red/sm

(END) Dow Jones Newswires

December 21, 2009 03:31 ET (08:31 GMT)

Copyright (c) 2009 MF-Dow Jones News Srl.