TLC: CADE ULTIMO MURO,TELEFONINO ANCHE IN METRO A ROMA/ANSA

TLC: CADE ULTIMO MURO,TELEFONINO ANCHE IN METRO A ROMA/ANSA
ACCORDO TRA OPERATORI E SOCIETA’ ANDREW, LAVORI AL VIA IN 2010
ROMA
(ANSA) – ROMA, 19 DIC – Al telefonino in metropolitana. Uno degli ultimi muri della comunicazione cade anche a Roma, dove nel giro di tre anni le linee A e B verranno coperte da una rete di telefonia mobile che farà  la felicità  dei maniaci del cellulare e, forse, la disperazione di chi ama quell’isola tranquilla al riparo da squilli e suonerie. Ad annunciare la novità  è Andrea Casini, vicepresidente di Andrew, la multinazionale americana che fornirà  la tecnologia (antenne e struttura radio in fibra ottica) per la copertura del tracciato: “Porteremo il segnale dentro la metropolitana di Roma per i quattro operatori (Telecom Italia, Vodafone, Wind e 3Italia, ndr.)”, ha affermato Casini nel corso di un convegno, aggiungendo che i lavori partiranno all’inizio del 2010 e che “l’obiettivo è il completamento della copertura delle due linee A e B entro tre anni”. Andrew non vuole scoprire troppo le carte e non dice molto di più ma, secondo quanto si apprende da fonti di settore, l’accordo sarebbe stato stretto anche con la società  Sielte, che dovrebbe invece occuparsi dell’installazione materiale delle apparecchiature, e una convenzione sarebbe stata firmata a marzo scorso con la Metropolitana di Roma, alla quale vengono pagati i costi di affitto per le installazioni con la formula del canone annuale. Il piano di lavoro, sempre secondo quanto si apprende, sarà  diviso in quattro fasi. La prima dovrebbe prendere il via all’inizio del 2010, una volta completati i sopralluoghi, che sono già  partiti, necessari per redigere un progetto esecutivo in base al quale richiedere i permessi e le autorizzazioni di carattere urbanistico e sanitario. Al termine della prima fase (febbraio 2011), la linea A, che va da Battistini ad Anagnina, sarà  in massima parte coperta e quindi si potrà  cominciare a usare il telefonino: verranno escluse Termini e altre stazioni che necessitano prima di una ristrutturazione. La seconda fase, da luglio 2010 a maggio 2011, vedrà  la copertura dell’intera linea A, tranne Termini. La terza si occuperà  invece della linea B (Rebibbia-Laurentina), che sarà  interamente coperta entro l’aprile del 2012, a eccezione della stazione Colosseo. L’ultima fase, infine, sarà  dedicata alle stazioni Termini e Colosseo, e potrà  essere ultimata solo quando la ristrutturazione sarà  completata. Con la copertura della metropolitana (che dovrebbe riguardare anche la futura linea C), Roma si mette al passo con molte altre città , dove il servizio è già  disponibile: a partire da Milano, dove nei prossimi giorni verrà  annunciata la copertura totale. Ma anche Parigi, Stoccolma, Budapest, Mosca, Pechino, diverse metropoli americane e perfino Baku, in Azerbaijan. Qualche problema, invece, c’é ancora nelle due più famose metropolitane del mondo: a Londra e a New York, tra crisi economica e problemi tecnici, i programmi per la copertura languono e tunnel, stazioni e vagoni sono ancora al riparo da squilli e suonerie. (ANSA).
FP/ S43 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Mai parlato con Niel della partecipazione di Iliad in Telecom, dice De Puyfontaine. E su Mediaset: per ora nessuna collaborazione, ma in futuro…

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Vivendi acquista un ulteriore 0,86% di azioni Telecom. Jp Morgan limita la sua partecipazione al 9,9%

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci

Tiscali: dimissioni per il Cda e il collegio sindacale al termine del processo di fusione con Aria. Convocata per il 16 febbraio l’assemblea dei soci