UMBRIA/TLC: ARIA WIMAX COPRE 33 COMUNI, ALTRI 20 PRIMI MESI 2010

UMBRIA/TLC: ARIA WIMAX COPRE 33 COMUNI, ALTRI 20 PRIMI MESI 2010
(ASCA) – Perugia, 22 dic – Sono diventati 33 i comuni dell’Umbria coperti con modalita’ Wimax (internet veloce e voce via etere); entro i primi mesi del 2010, se ne aggiungeranno altri venti. Lo ha comunicato Aria, unico operatore nazionale che offre servizi di telecomunicazione in modalita’ WiMAX (internet veloce e voce via etere) sull’intero territorio nazionale ampliando quindi la copertura in regione ad oltre 150 mila imprese e famiglie. I comuni della provincia di Perugia dove il segnale Wimax arriva, coprendoli, sono Assisi, Giano dell’Umbria, Bastia Umbra, Cerreto Di Spoleto, Citta’ Di Castello, Collazzone, Panicale, Perugia, San Giustino, Sellano, Spoleto, Spello, Todi, Torgiano, Umbertide, Valtopina, Gualdo Cattaneo, Castel Ritaldi, Massa Martana, Montefalco, Bevagna, Trevi, Panicale, Marsciano mentre nella provincia di Terni sono Amelia, Montecchio, Narni, Orvieto, Stroncone, Otricoli, Porano, Calvi Dell’Umbria, Fabro. Un altro passo quindi in regione per abbattere quel digital divide che frenava lo sviluppo di internet e delle tlc in generale. L’offerta di connettivita’ Internet veloce di Aria si posiziona nel mercato italiano come la migliore in termini di rapporto qualita’/prezzo: il canone di abbonamento privati per una connessione 24 ore su 24, parte da 15 euro al mese piu’ il noleggio modem di 3 euro, per una velocita’ di trasmissione di 4 Mb/s. Per l’offerta a 7 Mb/s il canone e’ invece di 20 euro al mese alle stesse condizioni. Le soluzioni per le aziende partono da 30 euro al mese con la garanzia di banda minima.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)