IMPRESE: ISTAT, 93,9% USA COMPUTER E INTERNET

ECO:IMPRESE
2009-12-22 14:10
IMPRESE: ISTAT, 93,9% USA COMPUTER E INTERNET
83% AZIENDE HA BANDA LARGA, MA INDIETRO SU SERVIZI INNOVATIVI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 22 DIC – L”abc’ dell’informatica è di casa, ormai, praticamente in tutte le imprese industriali e dei servizi con più di dieci addetti. Lo certifica l’Istat: a gennaio 2009, il 96,2% delle imprese usava il computer, il 93,9% era connessa a internet. Ben l’83% delle aziende, in particolare, adopera la connessione a banda larga. Insomma, secondo l’Istituto di statistica, “la diffusione delle tecnologie informatiche di base nelle imprese è ormai prossima alla saturazione”. Diverso il discorso per le tecnologie più complesse e innovative: “Un’impresa su cinque – spiega l’Istat – ha utilizzato la connessione mobile; l’impiego delle reti ha interessato mediamente il 21,9% delle imprese per quelle Intranet ed il 15 per cento per le Extranet; i sistemi operativi open source sono stati utilizzati dal 13,1 per cento delle imprese, mentre la firma digitale è stata impiegata dal 20,2 per cento delle unita”. (SEGUE).
KZE/ S0A QBXB
ECO:IMPRESE
2009-12-22 14:46
IMPRESE: ISTAT, 93,9% USA COMPUTER E INTERNET (2)
ROMA
(ANSA) – ROMA, 22 DIC – A sbirciare tra i dati forniti dall’Istat, in ogni caso, emerge che le imprese italiane hanno ancora molto da fare sul fronte dell’informatizzazione. Solo un’impresa su tre ha effettuato acquisti in rete, rispetto ad appena il 5,5% impegnato nelle vendite on-line. Anche se praticamente tutte le aziende adoperano computer, solo metà  del personale svolge il suo lavoro con il pc, mentre un impiegato su tre usa computer connessi ad internet. L’utilizzo delle tecnologie informatiche è fortemente differenziato per settore di attività  economica: settori tipicamente ad alta intensità  tecnologica dei servizi, quali le telecomunicazioni e l’informatica, come pure i servizi monetari e finanziari, raggiungono valori tra il 96 e il 99 per cento della quota di addetti che utilizzano computer. Su livelli inferiori si collocano, invece, il settore delle costruzioni (26,5%), quello tessile e conciario (29%) e i servizi di alloggio e ristorazione (24,4%). La connessione ad Internet è largamente presente su tutto il territorio nazionale, con differenze contenute tra il 96,3% del Nord-ovest e il 90,4% del Mezzogiorno. Anche con riguardo alla dimensione d’impresa non ci sono grandi differenze (93,3% per le imprese da 10 a 49 addetti e 99,8% per quelle con almeno 250 addetti). Ancora tre imprese su dieci utilizzano una connessione ad Internet poco veloce (modem o Isdn), pur in presenza di una predominanza delle connessioni veloci in banda larga (79,6%). Hanno un proprio sito web, riferisce ancora l’Istat, sei imprese su dieci, con incidenze molto più elevate per quelle di maggiori dimensioni. Nel Nord circa il 64% delle imprese è presente nel web con un proprio sito, il 55,3% nel Centro e il 49,3% nel Sud e Isole Per quanto riguarda infine il commercio elettronico, l’Istat riferisce che a fine 2008 il 32,4% delle imprese ha effettuato acquisti online; le vendite hanno invece coinvolto il 5,5% delle imprese con almeno 10 addetti, per un valore complessivo pari al 3,5% del fatturato totale. Il 78,2% delle imprese che nel 2008 non hanno effettuato vendite on-line segnala, tra i maggiori ostacoli alla diffusione del commercio elettronico, la non adattabilità  del prodotto o servizio offerto.(ANSA).
KZE/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Le dirette video di Facebook disponibili a tutti gli utenti. In Italia le stanno già sperimentando

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti

Per cercare di superare la crisi l’ad di Twitter licenzia quattro dirigenti