Telecom I.: Aduc; italianita’? bisogna scorporare rete

Condividi

05 Jan 2010 14:57 CEST Telecom I.: Aduc; italianita’? bisogna scorporare rete

ROMA (MF-DJ)–“La difesa dell’italianita’ di alcune aziende (Telecom, Alitalia, ecc..) e’ una boiata pazzesca. Lo confermano le indiscrezioni sul passaggio di Telecom I. sotto il controllo esclusivo degli spagnoli di Telefonica. Un’ipotesi che al di la’ delle smentite e’ tra quelle al vaglio dei protagonisti”.

E’ quanto si legge in una nota dell’Aduc che denuncia “una confusione prevedibile vista l’impostazione posticcia dell’azionariato
attuale di Telecom I.. Partorito proprio per garantire soci italiani a controllo del gestore, con l’ennesima cassaforte a
garantire il comando a pochi e qualificati soci (Telco), e senza un credibile piano industriale condivisibile da Telefonica
e soci italiani (Mediobanca, Generali e Intesa Sanpaolo e, fino a poco fa, la famiglia Benetton). La missione era impossibile,
visto che il gestore spagnolo ha interessi concorrenti a quelli di Telecom I.. Presto analogo destino tocchera’ ad Alitalia
che inevitabilmente sara’ abbracciata da Air France”.

Due gli scenari che si aprono ora per l’associazione dei consumatori. La prima e’ che Telecom I. si fonda strategicamente con Telefonica e segua il suo destino (d’altronde Enel non ha comprato Endesa, il principale gestore elettrico spagnolo?) e la politica lasci fare il suo corso al mercato, “badando esclusivamente a tutelare il servizio indispensabile agli utenti italiani e non piu’ i soci e le loro (dis)avventure finanziarie”.

Se cosi’ fosse, continua la nota, “occorrera’ che le autorita’ competenti tutelino gli interessi degli azionisti di minoranza di Telecom Italia”.

Oppure scattera’ di nuovo il riflesso incondizionato della politica italiana che si mobilitera’ per tutelare l’italianita’ di Telecom I.. “Da qui si potrebbero aprire nuovi scenari che, tra l’altro, non escludono una fusione tra il gestore telefonico e Mediaset, il coinvolgimento di Poste Italiane … e la valanga di polemiche conseguenti”.

Eppure la soluzione, a disposizione dei vari Governi c’e’, spiega l’Aduc. “Telecom I. da anni viene meno ai suoi impegni in fatto di garanzia del servizio universale (fornitura linea base), avendo trascurato la manutenzione e lo sviluppo della rete dell’ultimo miglio. Questo fatto legittima lo scorporo della rete da Telecom I., per affidarla ad altro soggetto giuridico con le risorse finanziarie adeguate e una strategia industriale coerente”.

Per l’Aduc cosi’ “si eliminerebbe il problema dell’italianita’ che tanto accalora e darebbe maggiori garanzie agli utenti che sono interessati al tipo di prestazioni di una rete telefonica e non alla nazionalita’ dell’azionista”. com/gug

(END) Dow Jones Newswires

January 05, 2010 08:57 ET (13:57 GMT)

Copyright (c) 2010 MF-Dow Jones News Srl.