SPAGNA: POLEMICHE PER SENTENZA CARCERE A DUE GIORNALISTI s

SPAGNA: POLEMICHE PER SENTENZA CARCERE A DUE GIORNALISTI
MADRID
(ANSA) – MADRID, 11 GEN – Pioggia di critiche in Spagna per la sentenza di un tribunale di Madrid che ha condannato in primo grado a un anno e nove mesi di carcere due giornalisti della radio CadenaSer per “rivelazione di segreto”. Esponenti dei maggiori partiti (Pp e Psoe), associazioni della stampa e dei giudici, hanno criticato la sentenza definita “sproporzionata”. Daniel Anido e Rodolfo Irago, direttore e capo dei giornali radio dell’emittente, sono stati condannati inoltre a pagare una multa di 130 mila euro e all’inabilitazione professionale per tutto il tempo della pena di carcere. Secondo il giudice i due sono colpevoli di un reato di “rivelazione di segreto” per aver pubblicato i nomi di 78 militanti affiliati irregolarmente al Pp di Villaviciosa si Odon (Madrid). La discussa sentenza nel contempo ha però confermato la validità  dell’informazione pubblicata, definita di interesse pubblico. I giornalisti hanno presentato un ricorso all’Audiencia di Madrid, il cui procuratore ha mantenuto la richiesta di una pena detentiva, ridotta però a 5 mesi sostituibili con una multa. (ANSA).
YK6-CEF/ ST1 S91 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La pubblicità sulla stampa ancora giù, – 8,7%, nei primi cinque mesi dell’anno. Fcp: quotidiani -10,2%, settimanali -4,3%, mensili – 7,2% (TABELLA)

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

La Regione Lazio presenta le azioni per l’editoria. Zingaretti: obiettivo ridare dignità al settore, sostenendolo

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale

Priorità nel continuare a promuovere la lettura di libri, dice Pietro Grasso al convegno Il libro digitale