CINA: MISTERIOSO ATTACCO HACKER IRANIANI CONTRO SITO BAIDU

CINA: MISTERIOSO ATTACCO HACKER IRANIANI CONTRO SITO BAIDU
PECHINO
(ANSA) – PECHINO, 12 GEN – Il principale motore di ricerca cinese, Baidu.com, è stato bloccato oggi per almeno quattro ore da una gruppo di hacker che si sono firmati “Iranian Cyber Army”. In una breve nota diffusa dall’ agenzia Nuova Cina, la direzione di Baidu.com ha attribuito il “black out” del sito ad un “attacco illegale” portato contro il suo server (Dns) basato negli Usa. Mezzi d’informazione cinesi affermano che collegandosi al sito, gli utenti hanno trovato la scritta “questo sito è stato attaccato dalla Iranian Cyber Army”. In dicembre la stessa firma era stata usata dagli “hacker” – gli esperti di software che riescono ad “entrare” illegalmente nei siti web superando tutte le protezioni – che avevano attaccato Twitter, un popolare sito di comunicazione sociale basato su messaggi brevi che possono essere diffusi sia su Internet che attraverso i telefoni cellulari. Twitter è stato largamente usato nei mesi scorsi dagli oppositori iraniani per organizzare le manifestazioni contro il governo di Tehran. All’inizio dell’anno lo stesso Twitter era stato usato per un’insolita iniziativa di internauti cinesi, che avevano lanciato messaggi di solidarietà  con l’opposizione iraniana. Secondo testimonianze degli utenti di Internet, Baidu.com è rimasto bloccato per oltre quattro ore. Baidu è il motore di ricerca più usato dagli internauti cinesi, che sono circa 300 milioni, e detiene il 60 per cento del mercato. Gli esperti ritengono improbabile che dietro all’attacco contro Baidu ci sia il governo di Teheran, che ha buone relazioni con Pechino. (ANSA).
NT/ S91 S0B ST2 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)