SCUOLA: MINACCE WEB PER MINORI, A FIRENZE 55 DOCENTI ANTI ORCO

SCUOLA: MINACCE WEB PER MINORI, A FIRENZE 55 DOCENTI ANTI ORCO
(AGI) – Firenze, 12 gen. – Difendere on line i figli dagli orchi. Bilancio piu’ che positivo per “Web in Cattedra”, il progetto del Rotary Club Firenze Est che ha offerto a 55 docenti designati dal dai dirigenti scolastici un’informazione completa sulle modalita’ e gli strumenti per indirizzare i ragazzi ad un uso sicuro e consapevole di Internet. L’iniziativa e’ stata realizzata con la collaborazione e il supporto tecnico della Questura di Firenze, della Polizia Postale e delle Comunicazioni, dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, di Microsoft, dell’O.n.a.p. (Osservatorio Nazionale Abusi Psicologici) e del Comune di Firenze, con il patrocinio della Provincia e dell’Azienda Sanitaria. Il corso permettera’ ora di inserire negli istituti del territorio docenti “istruttori”, cioe’ insegnanti che avranno il compito di trasferire ai colleghi le conoscenze acquisite. Si punta a sensibilizzare piu’ di 4.500 studenti nel comune e nella provincia di Firenze ma, soprattutto, gli istituti coinvolti potranno includere queste tematiche nella programmazione didattica garantendo formazione e informazione a tutti i ragazzi che frequenteranno la scuola media anche negli anni scolastici a venire. Coinvolta Microsoft che per la prima volta in Italia ha offerto ai docenti 3 ore di attivita’ in laboratorio sull’utilizzo di Internet e sui kit didattici sulla sicurezza on-line realizzati nell’ambito di ‘Sicuramenteweb’ (un’iniziativa che racchiude l’impegno Microsoft per la navigazione protetta dei minori sul web), scaricabili dal sito www.apprendereinrete.it. Molti, osserva Garofalo, propongono di procedere al piu’ presto all’organizzazione di incontri presso i singoli istituti con i genitori e gli alunni, come anche di dar corso a nuove iniziative, con un’estensione del progetto a livello regionale toscano e – possibilmente – nazionale (anche attraverso accordi con il Ministero dell’Istruzione). Intanto, tra i consigli offerti agli insegnanti in un vademecum, ma che valgono per tutti, si sottolinea che “se trovate in Rete materiale illegale o presumibilmente dannoso per bambini e adolescenti, o se venite informati da terzi rispetto alla presenza di tale materiale, occorre segnalare il caso immediatamente alla Polizia delle Comunicazioni oppure al Servizio Hot114, collegandosi al sito www.hot114.it”. (AGI)
Sep

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)