Google: potrebbe uscire da Cina dopo attacco via Internet (Wsj)

Condividi

13 Jan 2010 08:25 CEST Google: potrebbe uscire da Cina dopo attacco via Internet (Wsj)

PECHINO (MF-DJ)–Google sta valutando la sostenibilita’ in termini di sicurezza del suo business in Cina e potrebbe decidere di uscire totalmente da quel mercato, dopo essere stata colpita da un degli attacchi cibernetici piu’ grandi nella storia del Paese..

Secondo quanto si apprende dal Wall Street Journal, la societa’ ha riferito di aver individuato un attacco destinato alle infrastrutture corporate proveniente dalla Cina, a meta’ dicembre. L’attacco si sarebbe concluso con il furto di diritti di proprieta’ intellettuale di Google.

Il punto di vista della societa’ e’ che chi ha attaccato Google stava cercando di avere accesso agli account Gmail degli attivisti per i diritti umani cinesi, poiche’ a questi era mirato l’assalto. Secondo la societa’ dovrebbero essere stati violati solo due account.

Nonostante l’incidente sia stato importante a causa dell’alto livello di sofisticazione utilizzato nell’attacco, un portavoce della societa’ ha reso noto che le applicazioni di Google e i dati dei clienti non hanno subito alcun danno dall’incidente.

Il rappresentante legale ha assicurato che la societa’ sta lavorando per rendere il sistema piu’ sicuro e questo potrebbe significare dismettere le operazioni e gli uffici cinesi di Google e interdirne l’utilizzo del portale.

Il segretario di Stato Hillary Clinton ha chiamato Pechino per chiedere chiarimenti circa l’attacco cibernetico originato nel Paese asiatico e destinato oltre che a Google anche ad altre 20 societa’.

Da un punto di vista economico, l’uscita di Google dal mercato cinese potrebbe creare disordine nell’economia del Paese, ma sicuramente porterebbe benefici alle concorrenti, prima fra le quali Baidu. A trarne vantaggi sarebbero anche portali internet cinesi come Netease.com, Sohu.com e Tencent Holdings. red/est/alc

(END) Dow Jones Newswires

January 13, 2010 02:25 ET (07:25 GMT)

Copyright (c) 2010 MF-Dow Jones News Srl.