TV: 18 ANNI FA L’ESORDIO DEL TG5, OGGI OLTRE 5 MLN SPETTATORI

Condividi

TV: 18 ANNI FA L’ESORDIO DEL TG5, OGGI OLTRE 5 MLN SPETTATORI
(AGI) – Roma, 13 gen. – Il TG5 diventa maggiorenne. Sono passati 18 anni, infatti, dal suo esordio. E il bilancio e’ positivo: nell’anno del debutto, ricorda in una nota il direttore Clemente Mimun, il TG5 delle 20 realizzo’ una media del 21.3%, con poco piu’ di 4 milioni di spettatori. Quello stesso anno, il TG1 era al 32.8%, oltre i 7 milioni. La distanza tra i due Tg in edizione serale era quindi di 11.5 punti percentuali, con il TG5 sotto di 3,1 milioni di spettatori. Il 2009 del TG5 si e’ chiuso al 25.1, con oltre 5.3 milioni di spettatori, contro il 28.5% del TG1: il distacco si e’ ridotto a 3.4 punti. In questi 18 anni il TG1 ha perso 4.3 punti. Il TG5 ne ha guadagnati 3.8 e il distacco di teste si e’ ridotto a 700mila spettatori. Fin dal giorno dell’esordio, il tg5 delle 20 mostro’ tutto il suo potenziale, che con gli anni ha affermato: 28.8% di share e un boom tra i giovani: 41.4% tra i 15-19enni maschi, quasi il 30% sulle ragazze della stessa eta’. “Il segno di una domanda di cambiamento nel mondo dell’informazione e del bisogno di linguaggi nuovi, che il TG5 da allora e’ impegnato a comprendere e soddisfare”. L’edizione meridiana del tg5 ha realizzato una performance altrettanto importante. Partito il primo anno al 16%, ha chiuso il 2009 al 25.2%. 9.2 punti di crescita in 18 anni sul totale individui, sempre a vantaggio del pubblico attivo. Nello stesso periodo il tg2 e’ passato dal 42 per cento di share con 5 milioni 817 mila telespettatori di media al 18,2 per cento di share,con 2 milioni 806 mila telespettatori. La share del tg5 delle 13 sui 15-64enni e’ cresciuta dal 16% del primo anno al 25.6% del 2009, rafforzandosi soprattutto sui pubblici femminili delle eta’ giovanili e centrali e di tutti i livelli di istruzione. Ma come e’ cambiato il pubblico del TG5 in 18 anni? “Si puo’ dire – spiega Mimun – che crescendo e’ ringiovanito. Il TG delle 20 di Mediaset si e’ infatti rafforzato molto su tutti i target, ma soprattutto sui giovani. Se nel primo anno le quote di uomini tra i 20 e i 24 anni, per esempio, erano sotto al 20%, nell’ultimo anno sono arrivate quasi al 28%. Lo stesso vale per le donne della stessa eta’, da meno del 25% nel primo anno a oltre il 31% nell’ultimo. Nell’anno dell’esordio infatti, il risultato sul pubblico dei 15-64 anni era del 21.2%; nell’ultimo e’ salito al 27.5%. 6.3 punti in piu’ tra il pubblico attivo, senza pero’ perdere il contatto con il pubblico maturo e popolare, ma conquistando giovani, laureati, i settori della popolazione che cercano informazione approfondita e veloce nei contenuti e chiara nel linguaggio. Nell’era del web 2.0 e della frammentazione delle fonti informative, il TG5 e’ naturalmente impegnato a restare un riferimento anche per i giovani”. (AGI) Pgi