Rai/ Di Bella: Per la terza rete novità , ma non cancello nessuno

Condividi

Apc-Rai/ Di Bella: Per la terza rete novità , ma non cancello nessuno

Tra i progetti ‘Viaggio in Italia’ e film su nostro Paese

Roma, 13 gen. (Apcom) – Raitre si arricchirà  di qualche novità , a partire già  da aprile, ma non verrà  cancellato nessuno dei programmi attuali. Lo ha detto il direttore Antonio Di Bella, ascoltato oggi dalla Commissione di Vigilanza.

Premesso di essere ancora al lavoro, “sono ancora in fase di conoscenza” visto che la nomina è del 25 novembre scorso, Di Bella ha garantito però che Raitre “è in salute per ascolti e qualità “. E che in un momento di grande evoluzione del mercato, con il digitale terrestre e Sky che hanno fatto perdere terreno alle generaliste, la terza rete “è quella che perde di meno, con il 9% in day time”. La linea è quella di “mantenere l’identità  editoriale, con l’informazione, l’approfondimento, e la divulgazione”, e i tratti di “leggerezza e profondità “.

Nei prossimi mesi si apriranno “degli spazi per rinnovare un po’, ma senza cancellare niente. Qualche novità  ci sarà  già  ad aprile, il resto in autunno”. A Raitre resteranno “eccellenti professionisti e se possibile ne aggiungeremo altri”. Il sogno è raccontare il Paese, con un programma di viaggio per l’Italia cui far lavorare grandi firme, “ci sto lavorando”. E quello di realizzare anche un film sul nostro Paese, “doveva essere fatto da Olmi”, ma poi per mancanza di risorse il progetto è stato rinviato, “devo incontrare il direttore generale per parlarne”.

(segue)

Mdr

131705 gen 10

Apc-Rai/ Di Bella: Per la terza rete novità , ma non cancello.. -2- Doc-fiction sospese anche per ‘Blu notte’, così si blocca tutto

Roma, 13 gen. (Apcom) – Durante l’audizione Di Bella ha risposto a Marco Beltrandi che ha denunciato “l’assenza dei radicali da Ballarò” tra giugno e dicembre scorso. “L’estate il programma non va in onda – ha detto Di Bella ricordando che Emma Bonino e Marco Pannella sono stati ospiti di Giovanni Floris lo scorso maggio -, e poi c’è una differenza tra i programmi di comunicazione politica e le trasmissioni giornalistiche” nel senso che è nelle prime che c’è “obbligatorietà ” di presenza per tutti. In ogni caso “se da oggi a maggio i radicali non andassero mai a Ballarò sarò colpevole”.

Di Bella ha poi richiamato l’attenzione sulla sospensione delle doc-fiction prevista nella delibera adottata dal Cda lo scorso 16 dicembre: “Sono state bloccate anche per programmi come Blu notte”, dice il direttore, mentre la decisione era stata adottata per programmi diversi, come il Fatto del giorno, e in generale per quelli che affrontassero argomenti relativi ai processi in corso. “Sto premendo perché la situazione cambi, altrimenti si blocca tutto”, ha detto Di Bella.

Infine sui possibili nuovi volti, su cui era stato interpellato anche dal capogruppo Pdl in Vigilanza Alessio Butti, Di Bella ha ribadito di “difendere quelli che ci sono, e non cancellare nessuno. Ma non ho idea sui nomi. Avrò qualche spazio in più nella prima serata, anche per l’approfondimento e la divulgazione, e sperimenteremo qualcosa già  ad aprile”.

Mdr

131711 gen 10