INCHIESTA MEDIASET: PM CHIEDE CINQUE ANNI PER BERRUTI /ANSA

INCHIESTA MEDIASET: PM CHIEDE CINQUE ANNI PER BERRUTI /ANSA
ACCUSA, RICICLO’ DENARO PRESUNTI FONDI NERI FININVEST
MILANO
(ANSA) – MILANO, 13 GEN – Nessuna attenuante per via della precedente condanna per favoreggiamento e per il suo comportamento processuale. Massimo Maria Berruti, parlamentare del Pl, avvocato ed ex ufficiale della Guardia di Finanza, per il pm Fabio De Pasquale, va condannato a cinque anni di reclusione e a 3000 euro di multa per riciclaggio al termine del processo-stralcio del più vasto dibattimento sulle presunte irregolarità  nella compravendita di diritti televisivi da parte di Mediaset che vede imputato anche Silvio Berlusconi. Nel presunto riciclaggio per alcune decine di milioni di euro, secondo De Pasquale, il parlamentare Pdl “ebbe un ruolo importante”. Da una testimonianza di una ex funzionaria Fininvest “il sistema di spezzettamento che doveva portare alla dilatazione dei costi dei diritti televisivi veniva da Berruti”. “Noi pendevamo dalle sue labbra”, ha detto il pm citando la testimone. Il magistrato ha ricordato gli “stretti rapporti” di Berruti con tutti i protagonisti della vicenda, dal defunto manager Fininvest Carlo Bernasconi, con il banchiere Paolo Del Bue ma, soprattutto, con l’avvocato inglese David Mills, imputato nel processo principale e condannato in appello a quattro anni e sei mesi per corruzione in atti giudiziari in concorso con Berlusconi per il quale il dibattimento di primo grado è in corso. De Pasquale ritiene che nel complesso meccanismo per ‘gonfiare’ i costi dei diritti (“l’imbroglio”, l’ha chiamato), Berrutti abbia fornito una “consulenza tecnica in un affare criminale”. Il pm ha anche depositato la sentenza con cui l’ex ufficiale fu condannato a otto mesi per favoreggiamento nel cosiddetto processo Arces sulla corruzione nella Guardia di Finanza per quella visita a Palazzo Chigi dell’8 luglio ’94 che l’allora Pool Mani Pulite considerò un tentativo di depistaggio. Al termine del processo Berlusconi fu assolto e fu invece condannato l’ex direttore centrale dei servizi fiscali Finivest Salvatore Sciascia. Nel mirino del pm soprattutto un conto su cui, nella ricostruzione dell’accusa, transitarono somme derivanti dai presunti fondi neri creati da Fininvest: il conto Jasran di cui Berruti avrebbe avuto la gestione e di cui sarebbe stato il beneficiario. Il pm ha chiesto quindi la condanna a cinque anni ma ha ritenuto alcuni episodi che risalgono al 1994 coperti dalla prescrizione. Questo in presenza di una “fattispece attenuata” del reato di riciclaggio che deriva dall’appropriazione indebita. “Nessun commento” dal difensore di Berruti, Giorgio Perroni che parlerà  in aula il 20 gennaio. Poi è prevista un’altra udienza il 4 febbraio per le repliche e i giudici si ritireranno in camera di consiglio per la sentenza. (ANSA).
RT/ S42 S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Il presidente iraniano Rohani: statue coperte? E’ solo un caso giornalistico

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Padre Ciro Benedettini lascia la vicedirezione della sala stampa vaticana dopo 22 anni di servizio

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi