- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

Tv/ Pd: chieste audizioni e rinvio su parere Camera per Dl spot

Apc-Tv/ Pd: chieste audizioni e rinvio su parere Camera per Dl spot
Meta:Governo usa recepimento direttiva Ue per modificare testo Tv

Roma, 14 gen. (Apcom) – L’opposizione chiede, alla Camera, una serie di audizioni dei soggetti coinvolti dal Decreto legislativo sulla riduzione del tetto agli spot per le pay tv e un rinvio sul parere, non vincolante, da esprimere prima che il testo sia approvato in Consiglio dei ministri. Lo dichiara Michele Meta, capogruppo Pd in Commissione Trasporti alla Camera, dove stamani si sono svolte le relazioni di maggioranza (Bergamini per la Commissione Trasporti e Lainati per la Cultura).

“Abbiamo chiesto che vengano auditi in Parlamento tutti i soggetti coinvolti e colpiti da questo provvedimento e che si ricreino tutte le condizioni affinchè si possa discutere nelle commissioni parlamentari sul merito delle proposte senza l`assillo della ristrettezza dei tempi, ricorrendo ad un differimento della data per la votazione del parere”, dice Meta al termine della prima seduta delle commissioni parlamentari competenti chiamate ad esprimere il parere sul decreto legislativo del Governo di recepimento delle direttiva comunitaria sulla tv senza frontiere, che interviene pesantemente sull`affollamento pubblicitario delle tv a pagamento e sulla disciplina del web. Il parere doveva essere espresso entro il 26 gennaio.

“Il Governo ha utilizzato ancora una volta – spiega Meta -, l`occasione del recepimento di una direttiva europea sulle attività  televisive per manomettere profondamente e con logiche già  viste il testo unico delle radiotelevisioni. Il Parlamento viene espropriato ed umiliato nelle sue funzioni e prerogative su un tema così delicato che riguarda il pluralismo dell`offerta televisiva. E la scelta da parte del Governo di uno strumento come il decreto legislativo lo dimostra, anche perché sono numerose le forzature relative alla conformità  con la legislazione europea che andrebbero approfondite. Ci auguriamo, quindi, che le richiesta fatte oggi dal Partito Democratico, e dalle opposizioni, vengano valutate con attenzione ed accolte, anche per evitare strappi dannosi che già  il Governo non ha esitato a compiere”.

Red/Mdr

141134 gen 10