TV: DECRETO; ROMANI, NESSUN ECCESSO DI DELEGA

Condividi

POL:TV
2010-01-14 13:51
TV: DECRETO; ROMANI, NESSUN ECCESSO DI DELEGA
ROMA
(ANSA) – ROMA, 14 GEN – “La tesi dell’opposizione secondo cui la direttiva e la legge delega avrebbero come oggetto il solo product placement appare fantasiosa, totalmente infondata oltre che pericolosa in quanto esporrebbe l’Italia a una certa procedura di infrazione per non aver recepito l’intera direttiva”: lo afferma Paolo Romani, viceministro allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni, che spiega: “Nella odierna seduta delle commissioni congiunte VII e IX della Camera, convocate per l’emanazione del parere sullo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2007/65/CE sui servizi di media audiovisivi, i rappresentanti dell’opposizione hanno eccepito che l’intero provvedimento sarebbe viziato da un eccesso di delega in quanto avrebbe dovuto normare esclusivamente il product placement”. Per Romani, “tale tesi è del tutto priva di fondamento. La legge comunitaria n. 88 approvata dal Parlamento nel luglio del 2009 prevede, come ogni anno, il recepimento di tutte le direttive dell’Unione Europea. Al suo interno, l’articolo 26 ci obbliga a recepire l’intera Direttiva sui Servizi di Media Audiovisivi – 2007/65/CE – (modificativa della precedente Direttiva Tv senza Frontiere – 89/552/CEE) intervenendo, in maniera inequivocabile, attraverso le necessarie modifiche al Testo Unico della Radiotelevisione (decreto legislativo 177/05)”. “In aggiunta al richiamo ai principi e criteri delle direttive, contenuto all’art. 2 – prosegue ROmani -, lo stesso art. 26 della legge delega precisa che nel consentire il product placement, forma di pubblicità  che l’Unione Europea lascia la facoltà  agli Stati membri di vietarlo o meno, il Parlamento ha imposto al governo il rispetto rigoroso dei limiti previsti dalla direttiva per tale nuova forma di pubblicità . Questa – conclude – è la sola ragione della specifica citazione sul product placement all’interno della Legge Comunitaria n.88”. (ANSA).
COM-MV/ S0A QBXB