MUSICA: BBC AMMETTE, TROPPO SPAZIO A LANCIO NUOVO DISCO U2

SPE:MUSICA
2010-01-14 16:37
MUSICA: BBC AMMETTE, TROPPO SPAZIO A LANCIO NUOVO DISCO U2
LONDRA
(ANSA) – LONDRA, 14 GEN – La Bbc ha ammesso di aver dato eccessivo spazio al lancio del nuovo disco degli U2 lo scorso febbraio, venendo meno alle linee guida stabilite per la televisione pubblica britannica nel favorire o meno interessi commerciali esterni. Lo ha stabilito l’ufficio della Bbc che raccoglie le lamentele sulla linea editoriale dell’azienda, Ecu, che ha ammesso che l’appoggio dato alla promozione del disco ‘No line on the horizon’ è stata eccessiva. Al centro delle polemiche lo slogan ‘U2 = BBC’, usato ripetutamente, link sul sito di Radio1 per comprare i biglietti per i concerti, un mini-concerto del gruppo sul tetto degli studi di Londra della tv pubblica e un’intervista radiofonica con Bono, sempre su Radio1, in cui la Bbc veniva definita “parte del lancio di questo nuovo album”. Il tutto avrebbe prodotto pubblicità  gratuita agli U2 per milioni di sterline, che la Bbc avrebbe dovuto evitare. A insorgere sono state organizzazioni come RadioCentre, che tutela le reti radiofoniche commerciali, ma anche membri del governo. La Bbc avrebbe fornito “il tipo di pubblicità  che i soldi non possono comprare”, secondo il deputato conservatore Nigel Evans che ha dichiarato: “Perché chi paga il canone dovrebbe accollarsi il costo della pubblicità  al disco degli U2?”. (ANSA).
Y4K-NS/ ST1 S0B QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi