Tv/ Sul dl audizioni Camera da Giovedì, slitta il parere

Apc-Tv/ Sul dl audizioni Camera da Giovedì, slitta il parere

Romani: rispetto il Parlamento, approfondire è giusto

Roma, 19 gen. (Apcom) – Si terranno giovedì e venerdì prossimi le prime audizioni nelle Commissioni Cultura e Trasporti della Camera sul Decreto legislativo che recepisce la direttiva Ue sulla tv senza frontiere modificando su alcuni punti (tra cui tetti agli spot e quote di investimento in opere comunitarie) il Testo unico sulla Tv. Lo ha deciso l’Ufficio di presidenza delle due commissioni su richiesta dell’opposizione, che nei giorni scorsi aveva lamentato una “strozzatura” sul decreto, sul quale il Parlamento è chiamato a dare solo un parere non vincolante.

Dunque le audizioni, tra cui quelle di Agcom, di Rai Mediaset e Sky, che inizieranno giovedì e proseguiranno venerdì e la prossima settimana. Al termine la discussione generale, quindi il parere che sarà  dato, con ogni probabilità , i primi di febbraio, circa 10 giorni dopo il termine previsto del 27 gennaio (ovvero 40 giorni dopo l’assegnazione del testo al Parlamento).

Soddisfatto il vice ministro allo Sviluppo Paolo Romani: “C’è la possibilità  di approfondire un testo complesso. Ho molto rispetto per il Parlamento e ascolteremo i soggetti interessati. Mi sembra che sia poi caduta la polemica sull’eccesso di delega”.

(Segue)

Mdr

191243 gen 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi