CINEMA: SPOT CON HOFFMAN? A LEOPARDI SAREBBE PIACIUTO / ANSA

Condividi

CINEMA: SPOT CON HOFFMAN? A LEOPARDI SAREBBE PIACIUTO / ANSA
LO DICE IL TRISNIPOTE VANNI, A PRESENTAZIONE MILANO
MILANO
(ANSA) – MILANO, 20 GEN – A Giacomo Leopardi sarebbe piaciuto lo spot promozionale della Regione Marche, con Dustin Hoffman protagonista che recita L’Infinito, sullo sfondo di paesaggi e monumenti marchigiani. Parola di Vanni Leopardi, trisnipote del poeta e “affettuoso curatore delle memorie familiari”, che oggi ha partecipato alla presentazione del video a Milano. Contro la campagna era scesa in campo Mina, voce “firmata” anche della pubblicità . Ma per il discendente di Leopardi non ci sono problemi. “Lui amava le celebrità , poveretto – ha detto – e l’Accademia della Crusca, che oggi lo celebra tanto (il presidente si è pronunciato a favore dello spot, ndr.) bocciò le Operette morali”. A giudizio del conte Leopardi, l’iniziativa promozionale può essere “un’occasione per far conoscere di più” a livello internazionale l’autore del Sabato del Villaggio. Nel video l’attore del Laureato prova il testo leopardiano e lotta con la pronuncia e la metrica, con il senso più profondo dell’Idillio più famoso della lingua italiana, tra esclamazioni di rabbia o di soddisfazione: la sua voce spezzata e “riverberata”, con molti effetti di eco, forma un tappeto sonoro, insieme alla musica rarefatta da un altro marchigiano famoso, Gioachino Rossini, mentre sullo schermo si alternano con dissolvenze incrociate i Torricini di Urbino e i colli marchigiani, la Gola dell’Infernaccio e il Monte Conero e l’interno del Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno pieno di pubblico che applaude la performance. “E’ un continuo rimando tra paesaggi reali e paesaggi dell’anima” secondo il direttore artistico e coregista Giampiero Solari, che ha conosciuto Hoffman durante uno show con Fiorello e che ha coltivato il progettto di curare per lui una regia di Pirandello. La campagna con il claim “Marche. Le scoprirai all’Infinito” – ha spiegato il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca – ha, tra gli obiettivi, il lancio del Brand Marche, per valorizzare i marchigiani e far scoprire una regione ancora sconosciuta, che è ai vertici di tutte le classifiche per qualità  della vita e tenuta sostanziale dell’economia, oltre che per le eccellenze ambientali e culturali: “70 teatri storici e una densità  di beni culturali seconda solo alla Toscana”. In questo senso, lo spot ha già  superato gli obiettivi e si é posto come argomento di dibattito culturale. Un docente di cultura italiana dell’Università  di Harvard ha scritto a Spacca,chiedendo di poterlo utilizzare per un seminario interdisciplinare sull’adattamento video di poesie. Poco più di un milione e 700.000 euro il costo dell’operazione (con risorse soprattuto europee), comprensivo del cachet di Dustin Hoffman (700.000 euro), delle spese di produzione e di un piano media, elaborato da Media Italia, che prevede oltre mille passaggi televisivi dal 24 gennaio al 13 febbraio (in formati da 30, 15 e 7 secondi) e la proiezione di un video di due minuti nelle sale cinematografiche. Il filmato é stato realizzato dalla Europroduzione srl, che produce anche lo Show dei Record. Si pensa anche ad una campagna internazionale, mirata in particolare per i mercati europeo e nordamericano. L’agenzia dell’attore americano ha concesso i diritti sull’immagine del divo fino a fine anno. Ma prima bisogna aspettare l’esito delle elezioni regionali.(ANSA).
ME/ S43 S42 S0B QBXB