TV: DECRETO; FONTI, VERSO PROCEDURA UE PER MANCATA NOTIFICA

TV: DECRETO; FONTI, VERSO PROCEDURA UE PER MANCATA NOTIFICA
BRUXELLES
(ANSA) – BRUXELLES, 26 GEN – La Commissione Ue è pronta ad aprire una procedura d’infrazione contro l’Italia per la mancata notifica, attesa entro il 19 dicembre scorso, del decreto che recepisce la direttiva Ue in materia di audiovisivi. E’ quanto riferiscono all’ANSA fonti di Bruxelles. “L’Italia finora non ha notificato la legge che traspone la direttiva Ue in materia di tv e Internet, sebbene il termine fosse il 19 dicembre 2009 e quindi la Commissione aprirà  una procedura d’infrazione”, fanno sapere le fonti. Inoltre, la parte del decreto Romani (ovvero la legge che recepisce la direttiva Ue su tv e internet) che riguarda il controllo sui contenuti che viaggiano in rete, rischia di violare le norme Ue sul commercio elettronico. Il decreto vorrebbe affidare a Google e agli altri fornitori di servizi su internet il controllo preventivo sui contenuti caricati, ad esempio, su piattaforme di video sharing come You Tube. Ma per la direttiva Ue sul commercio elettronico, i fornitori di servizi (Internet service provider o Isp) non sono tenuti a compiti di monitoraggio, sebbene un’autorità  nazionale possa loro imporlo.(ANSA).
KXN/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi