Tv/ Giornalisti La7 a Sacconi: Violato contratto di solidarietà 

Apc-Tv/ Giornalisti La7 a Sacconi: Violato contratto di solidarietà 
Nota congiunta con Stampa romana: “Offesi come lavoratori”

Roma, 29 gen. (Apcom) – La7 mette sotto contratto giornalisti, assume impiegati, eroga gratifiche e aumenti di stipendio, violando in questo modo i principi del contratto di solidarietà  firmato con i giornalisti: a lanciare l’accusa sono il Comitato di redazione dell’emittente e il segretario dell’Associazione Stampa romana Paolo Butturini, in una lettera aperta al ministro del Lavoro Maurizio Sacconi. “Le scriviamo questa lettera perché ci sentiamo offesi come giornalisti e come lavoratori”, si legge nella missiva, che ricorda come da quasi un anno sia in vigore l’accordo che prevede una riduzione del 20% dell’orario di lavoro e una conseguente riduzione dello stipendio dei giornalisti (in parte compensata dal ricorso agli ammortizzatori sociali). “A distanza di quasi un anno, dobbiamo constatare – prosegue la lettera – che l`azienda non soltanto non ha mantenuto alcuna delle promesse fatteci al tavolo sindacale (piani di rilancio, nuovi investimenti, recupero delle professionalità ) ma ha più volte violato i principi stessi che stanno alla base del Contratto di Solidarietà “.

Secondo i rappresentanti sindacali dei giornalisti “la stessa azienda durante il Contratto di Solidarietà  ha continuato ad assumere altri colleghi, spesso contrattualizzati in modo atipico, per fare il nostro lavoro in programmi di informazione della rete e per la stessa testata, in quegli spazi in cui Telecom Italia Media avrebbe potuto utilizzare quelle professionalità  che dichiarava in eccesso al Tg”. Inoltre, “l`azienda ricorre sistematicamente all`acquisto di servizi da altre emittenti per fare fronte alle esigenze produttive del telegiornale, in evidente insufficienza d`organico dopo l`applicazione del contratto di solidarietà ! Suona come una beffa poi il fatto che la dirigenza de La7 abbia concesso incrementi retributivi ad alcuni giornalisti, evitando o alleviando loro quel sacrificio che impone a tutti gli altri”.

(segue)

Red/Bar

291603 gen 10

Apc-Tv/Giornalisti La7 a Sacconi: Violato contratto di… -2-
“Noi paghiamo, l’azienda assume”

Roma, 29 gen. (Apcom) – “Se infine diamo un`occhiata ai risultati sbandierati nell`ultima semestrale – prosegue la lettera aperta del Cdr di La7 e di Stampa romana al ministro Sacconi – facciamo fatica a scorgere una società  sull`orlo dell`abisso. Tant`è che manager e dirigenti sono stati premiati con bonus e autoelargizioni che stridono con la necessità  di recuperare redditività , a meno che non lo si voglia fare soltanto con gli stipendi dei giornalisti. A conferma di ciò il fatto che nei settori non giornalistici l`organico è addirittura aumentato: nelle scorse settimane si è avviato un piano di assunzioni di impiegati, tecnici, dirigenti!”.

Secondo il sindacato dei giornalisti “così l`uso che Telecom Italia Media fa del Contratto di solidarietà  appare incompatibile con scelte industriali che puntino alla salvaguardia dell`occupazione e del valore della società  per gli stessi azionisti, con l`etica che il grave momento economico e finanziario impone a tutti gli attori del mercato, dell`impresa e della società . In conclusione i casi sono due: o la solidarietà  non era necessaria e lo Stato, cioè i contribuenti, i giornalisti de La 7e l`Inpgi, il nostro ente di Previdenza, sono gli unici a pagare il conto di un restyling dei bilanci di Telecom Italia Media. Oppure c`è chi, approfittando della congiuntura, ha trovato il modo di far pagare alla redazione de La7 l`indipendenza e la capacità  di svolgere onestamente e trasparentemente la propria professione. Siamo certi – conclude la lettera – che Lei ci aiuterà  a trovare una risposta”.

Red/Bar

291607 gen 10

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi