PAR CONDICIO: BELTRANDI PRESENTA INTERROGAZIONE A DIRIGENZA RAI

PAR CONDICIO: BELTRANDI PRESENTA INTERROGAZIONE A DIRIGENZA RAI

ROMA (ITALPRESS) – Marco Beltrandi, deputato radicale estensore e presentatore del regolamento attuativo della legge sulla par condicio ha presentato, in Commissione vigilanza sulla Rai, un’interrogazione rivolta al direttore generale Masi per conoscere “le ragioni che hanno indotto la dirigenza della Rai a scegliere la sospensione dei talk show e ad escludere tutte le altre ipotesi alternative, ben consentite dalla lettera del regolamento approvato”. Il deputato radicale sostiene che “non esiste nel regolamento approvato alcun divieto alla trasmissione dei talk show ma, al contrario, il regolamento contiene l’invito a trasmetterli, potenziandoli dello strumento della par condicio nelle settimane che precedono il voto. Il regolamento, semmai, chiede ed incoraggia l’esatto contrario: il massimo di dibatto politico elettorale con le regole della par condicio, come in ogni democrazia consolidata”. “Io stesso sono promotore di un appello per la liberta’ e la completezza dell’informazione Rai, e saro’ alle 15.30 davanti la sede Rai di viale Mazzini, per manifestare con gli altri parlamentari radicali e i militanti per favorire la piu’ ampia liberta’ di informazione Rai, nel rispetto delle regole. Il consigliere Van Straten, il direttore di Raitre Di Bella, lo stesso l’ufficio legale Rai hanno confermato tutte le mie affermazioni. Ora attendo la risposta ufficiale, spero in tempi utili, del direttore generale Masi”.
(ITALPRESS).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi