RAI: QUAGLIARIELLO “VERO SCANDALO E’ QUELLO DELLE INTERCETTAZIONI”

RAI: QUAGLIARIELLO “VERO SCANDALO E’ QUELLO DELLE INTERCETTAZIONI”

ROMA (ITALPRESS) – “Il vero scandalo e’ che in un Paese che si vorrebbe definire civile e democratico possano finire sui giornali le telefonate del presidente del Consiglio, del direttore del Tg1, del commissario dell’Agcom e del direttore generale della Rai per un’inchiesta che nulla ha a che fare con tutto cio'”. Lo afferma Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo vicario del Pdl al Senato.
“Se volessimo utilizzare gli stessi metodi delle gazzette delle Procure in edicola e dei loro replicanti in Parlamento – prosegue – chiederemmo per par condicio di sapere cosa si dicono al telefono gli esponenti della sinistra alfieri della liberta’ d’informazione e i giornalisti da loro considerati ‘affidabili’, nella certezza che una coltre d’ipocrisia verrebbe infranta. Ma poiche’ noi difendiamo la liberta’ sempre e non solo quando ci fa comodo, e poiche’ immaginiamo che nessuna Procura indagando sulle carte di credito abbia intercettato i leader della sinistra e i giornalisti politicamente corretti, ci limitiamo ad auspicare – conclude Quagliariello – che i cittadini comprendano che non vi e’ piu’ alcun aspetto della loro vita privata che sia considerato degno di tutela in un Paese, per questo si’, ridotto ormai alla stregua dello Zimbabwe”.
(ITALPRESS).
sat/com 12-Mar-10 15:15

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi