PAR CONDICIO: FEDERCONSUMATORI E ADUSBEF,AL VIA CLASS ACTION

PAR CONDICIO: FEDERCONSUMATORI E ADUSBEF,AL VIA CLASS ACTION
ROMA
(ANSA) – ROMA, 16 MAR – “Alla luce della grave decisione del Cda Rai di rinviare di nuovo alla Commissione di Vigilanza la decisione sulla rimessa in onda dei talk show informativi, sottraendosi, di fatto, dalla responsabilità  di assumere tale scelta, abbiamo deciso di continuare con risoluzione la nostra battaglia già  intrapresa per la difesa del diritto all’informazione dei cittadini”. Lo sostengono, in una nota congiunta, Federconsumatori ed Adusbef. “Non solo, come già  annunciato, ricorreremo al Consiglio di stato, ma stiamo valutando l’opportunità , dandone comunicazione al Cda Rai, di mettere in campo tutte le pratiche per avviare una Class Action per la restituzione di un dodicesimo del canone Rai versato dagli utenti del servizio pubblico”, dichiarano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti. “Tale rivendicazione emerge in ragione dei doveri previsti dal Contratto di Servizio della Rai per cui si paga il canone e della ‘difformita”, nell’intero mese di Marzo, rispetto ai programmi diffusi. A maggior ragione a ridosso di un momento delicato ed importante quale è, appunto, l’appuntamento elettorale. In ogni caso, un fatto è certo: nessuno potrà  mai ‘rimborsare’ i cittadini per le carenze di democrazia che tale provvedimento ha determinato nel nostro Paese”. (ANSA).
STF/ S0A QBX

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi