RAI-AGCOM: IDV, BERLUSCONI CONFESSA, NORMALE CANCELLARE VOC

RAI-AGCOM: IDV, BERLUSCONI CONFESSA, NORMALE CANCELLARE VOCI
ROMA
(ANSA) – ROMA, 19 MAR – “Berlusconi ha confessato. Per lui é normale cancellare le voci libere nel mondo dell’informazione. Continua a comportarsi come un vero e proprio dittatore e ammette, senza vergogna, di aver fatto pressioni indebite sull’Agcom, cioé su un’autorità  pubblica, posta a garanzia delle comunicazioni, e non a garanzia del premier”. Lo afferma in una nota il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando, commentando le dichiarazioni del Presidente del Consiglio. “Il Presidente del Consiglio – aggiunge Orlando – che nomina dirigenti e direttori della Rai dal suo salotto di palazzo Grazioli, nonché capo della concorrente Mediaset, ritiene normale ciò che è illegale: cancellare trasmissioni a lui sgradite facendo violente pressioni ad organi di controllo. I magistrati di Trani lo hanno indagato proprio per questa ragione. Oltre ad avere occupato la Rai, sta cercando di mettere il bavaglio alle poche voci libere che sono rimaste nell’azienda pubblica, con grave danno economico e d’immagine della stessa. Non contento, attacca anche i magistrati che osano indagare su di lui”. “Ormai da tempo Berlusconi ha gettato la maschera – aggiunge l’esponente dipietrista – vuole assoggettare a sé tutti gli organi costituzionali e tutti coloro che lo ostacolano, magistrati, giornalisti, politici, nel suo disegno criminoso. Occorre contrastare in tutti i modi democratici questo grave pericolo per la democrazia. Noi dell’Italia dei Valori continueremo ad esserci: in piazza e in Parlamento. Siamo certi che i cittadini puniranno questo arrogante, illegale e antidemocratico atteggiamento nel segreto delle urne”. (ANSA).
PH/ S0A QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi