PAR CONDICIO: BELTRANDI, RAI CENSURA ANCHE PROTESTANTESIMO

PAR CONDICIO: BELTRANDI, RAI CENSURA ANCHE PROTESTANTESIMO
ROMA
(ANSA) – ROMA, 22 MAR – Marco Beltrandi, deputato radicale, scrive alla dirigenza Rai per conoscere i motivi di un caso di censura a danno della trasmissione ‘Protestantesimo’. “Un servizio televisivo intitolato Dopo Rosarno messo in palinsesto all’interno della puntata di domenica 21 febbraio non é andato in onda perché in contrasto con le norme sulla par condicio – spiega -. Naturalmente, nel programma non appariva alcun politico né alcun candidato ad alcuna carica, non si esprimevano giudizi politici né su temi locali né nazionali. Semplicemente si dava voce ad alcune persone mostrando immagini della realtà  attuale di Rosarno. Non è chiaro che cosa questo c’entri con le imminenti elezioni. Di Rosarno, ormai metafora di un’Italia incapace di gestire le immigrazioni, nessuno vuole parlare”. “Il servizio voleva buttare un piccolo fascio di luce su questa realtà  – conclude Beltrandi -. Ma nell’Italia di oggi anche pochi minuti di una rubrica religiosa nascosta nelle pieghe più remote del palinsesto televisivo desta sospetti e si espone alle censure di chi controlla culturalmente e politicamente il sistema della comunicazione”.(ANSA).
COM-SAM/ S0A S45 QBXB

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi