PAR CONDICIO: CORECOM LAZIO CHIEDE EQUITA’ A TGR RAI E TV LOCALI

PAR CONDICIO: CORECOM LAZIO CHIEDE EQUITA’ A TGR RAI E TV LOCALI
(AGI) – Roma, 23 mar. – Il Corecom del Lazio ha inviato una lettera alle emittenti radiotelevisive locali e alla Testata giornalistica regionale della Rai per invitare tutti a un maggiore rispetto dei principi di completezza, correttezza, obiettivita’, equita’, imparzialita’ e parita’ di trattamento di tutte le liste partecipanti alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo. In particolare, la raccomandazione del Comitato, espressa con delibera del 17 marzo, si riferisce – dice un comunicato – agli spazi dedicati nei telegiornali alle tre candidate alla presidenza della Regione Lazio, Emma Bonino, Marzia Marzoli e Renata Polverini. “La rappresentazione delle diverse posizioni politiche nei notiziari ? si legge nella delibera ? non e’ regolata, a differenza della comunicazione politica, dal criterio della ripartizione matematicamente paritaria degli spazi attribuiti, ma deve comunque sempre conformarsi, pur nel riconoscimento dell’autonomia editoriale di ciascuna testata, al principio della parita’ di trattamento e dell’equa rappresentazione di tutti i soggetti politici competitori, ai fini del corretto svolgimento del confronto politico su cui si fonda il sistema democratico”. Il Corecom Lazio ? conclude la delibera ? “nell’esercizio della sua funzione di vigilanza, verifica l’osservanza del presente richiamo anche attraverso il monitoraggio dei programmi e, in caso di inosservanza, adotta i conseguenti provvedimenti”. (AGI) Vic

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi