Toni Muzi Falconi ricorda Emanuele Pirella

Condividi

Non lo avevo mai visto ridere tanto… a crepapelle.

Una circostanza non usuale per Emanuele Pirella, dal sorriso dolce e riservato, uno dei pochissimi intellettuali davvero colti, davvero geniali, davvero timidi, davvero scontrosi, davvero simpatici del nostro dopoguerra. La sua professione prevalente era quella del pubblicitario e non ce n’è uno che non gli deva qualcosa. Ma Tutti da fulvia il sabato sera è un’opera sublime andata in onda per decenni su La Repubblica.
Quella risata fu quando, prima di presentarla ufficialmente al congresso dell’Arci Lombardia, che festeggiava allora il suo ventennale alle Stelline di Milano nei primi anni ottanta, Gian Paolo Gironda (deus ex machina) ed io gli portammo da ascoltare il nastro del demenziale contributo che come SCR avevamo preparato per quel congresso: Sognare Milano. Era alla fine degli anni Settanta, alla vigilia delle elezioni amministrative del 1980.
E’ per questo che lo riproponiamo qua http://www.ferpi.it/admin/resources/6501 oggi, a ricordo di un amico che ci ha lasciato un grande vuoto, che abbiamo sempre amato e riverito.
Ascoltatelo e rideteci su anche voi.
Pirella e sognare milano

Fonte: Ferpi – Federazione Relazioni Pubbliche Italiana