PAR CONDICIO: SANTORO, UNA SCOSSA TELLURICA NELLA TV ITALIANA

PAR CONDICIO: SANTORO, UNA SCOSSA TELLURICA NELLA TV ITALIANA
(AGI) – Bologna, 26 mar. – Per quanto riguarda il solo sito di “Raiperunanotte” Santoro ha parlato di 10 milioni di richieste di accesso, tanto da portarlo al “quinto posto” tra i siti internet piu’ visti al mondo, “storicamente l’accesso piu’ grosso in Italia”. “Ieri abbiamo dimostrato – ha sottolineato Santoro – che il pubblico continua ad esistere anche quando un programma viene chiuso. Il canone smette di essere soltanto una tassa ma diventa l’affermazione del diritto di dire la propria opinione su quello che la televisione pubblica deve mostrare”. Il conduttore si e’ poi augurato che “la Rai voglia valutare la ricchezza che ha in se’ con il nostro lavoro, non abbiamo fatto altro che valorizzare il marchio della Rai”. A quanti vorrebbero una sua uscita dalla televisione pubblica Santoro promette battaglia: “Per cacciarci via dovranno passare sul nostro corpo che non e’ soltanto il mio o quello di Travaglio ma e’ anche quello di tutta la gente che ieri era presente dentro e fuori, oltre alle 250mila persone in piazza”. Circa un eventuale seguito di “Raiperunanotte” Santoro sembra propendere per l’esperimento unico: “dal punto di vista di come e’ stata fatta l’iniziativa di ieri, e’ un unicum. Dal punto di vista spirituale no. La prossima volta – ha ironizzato il giornalista – lo faremo al Colosseo. Potrebbe essere una bellissima sfida: l’imperatore contro i gladiatori. Pero’ – ha concluso – se i gladiatori vincono l’imperatore se la prende in saccoccia”. (AGI) Cli/Ari

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Convocata per le 14:30 di oggi un’assemblea del Cdr di Rainews con Usigrai e Fnsi

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Freccero: il ritorno in Rai di Grillo? Sarebbe la prova che il servizio pubblico è una tv indipendente. Oltre a lui mi piacerebbe rivedere anche Benigni, Celentano e Fiorello

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi

Il Pd contro Ciao Darwin: casting torinese riservato a razzisti ed omofobi